Milano – Diecimila immatricolazioni, da maggio a oggi, per la Peugeot 207 in Italia. E, dallo scorso aprile, 150mila in Europa. Ottima la risposta del mercato per questo nuovo modello caratterizzato da stile dinamico, equipaggiamento completo, grande sicurezza. Le motorizzazioni più richieste dagli italiani sono i turbodiesel (66%), egualmente ripartiti tra l’1.6 HDi e l’1.4 HDi. Tra i benzina, svetta l’1.4 litri. Gli italiani hanno accordato la preferenza, per il 69%, alla 5 porte mentre il 31% ha scelto la 3 porte.
Secondo i dati diffusi dalla Casa, il cliente-tipo di 207 è un uomo (per il 61%) trentenne (26%), anche se la presenza femminile è consistente (39% degli acquirenti), con un’età media di 35 anni, quindi leggermente superiore a quella degli uomini.
L’Automobiles Peugeot ha inoltre commissionato a EurotaxGlass’s uno studio sulla quotazione che 207 avrà una volta immessa sul mercato dell’usato. Il risultato è positivo: sul mercato italiano, dopo 36 mesi e una percorrenza di 60mila chilometri, una 207 1.4 HDi 68 cavalli 5 porte avrà una quotazione pari al 61% del prezzo di listino del nuovo.
Peugeot 207 è disponibile in Italia in 32 versioni, ottenute dalla combinazione di due carrozzerie (tre e cinque porte), di sei allestimenti (One Line, X Line, XT, XS, XSi, Féline) e di cinque propulsori con distribuzione a sedici valvole: 1360 cc (65 kW), 1587 cc (80 kW), 1398 cc HDi (50 kW), 1560 cc HDi (66 ed 80 kW). A questi si è aggiunto il 1360 cc otto valvole da 54 kW, nuovo ingresso della gamma motori, che si amplia con l’arrivo del moderno e potente 1.6 THP da 110 kW, frutto della collaborazione di PSA Peugeot Citroën con Bmw. Sarà presente nel solo standing Féline 3 porte che rappresenta il top della gamma: tutto di serie, compreso cerchi in lega da 17, ESP, rilevatore di ostacoli posteriore e indicatore di pressione degli pneumatici. (ore 14:07)

NO COMMENTS

Leave a Reply