Toyota – La tecnologia ibrida Toyota a fine 2008 ha totalizzato oltre 1 milione e 700 mila unità vendute in tutto il mondo in poco più di 10 anni. La Prius che ne rappresenta l’icona, ha ormai superato il milione e 200 mila unità sulle strade di tutto il mondo. Di queste circa 130.000 circolano sulle strade europee e più di 6.000 sono state scelta dai clienti italiani. Sulla base di questi significativi risultati potremmo dire che la tecnologia ibrida ha scritto un capitolo importante nella storia dell’industria automobilistica e certamente il riconoscimento che deriva dalla recente azione del Governo Italiano a sostegno del settore auto non fa che consacrarla quale una delle soluzioni più significative per vincere la difficile battaglia alle emissioni nocive, in particolare la CO2. L’attuale decreto è cumulabile agli Eco incentivi ancora in vigore dalla rottamazione del 2007, questo mantiene in essere i benefici anche per la gamma ibrida Lexus composta dal Rx400h, il primo SUV ibrido di lusso al mondo, la GS 450h, la prima berlina ibrida ad alte prestazione e la LS 600h, l’ammiraglia ibrida della gamma. Ma i benefici vedono inclusi anche altri modelli Toyota che pur non ibridi offrono livelli di innovazione molto avanzati sia per i motori a benzina che per quelli Diesel grazie anche alla tecnologia Toyota Optimal Drive che consente di ridurre al minimo i consumi e le emissioni di CO2, potenziando al massimo le prestazioni dei motori. Tra questi la rivoluzionaria iQ che in soli 3 metri può ospitare 4 passeggeri a bordo; la piccola Aygo che esprime tutta l’energia e la voglia di una generazione sempre in movimento; la Yaris, l’auto dei record di Toyota e l’Auris (1.4 diesel), la due volumi che vanta solidi punti di forza e una straordinaria versatilità.(ore 11:15)