Bologna – Durante il convegno “Auto usata: mercato dimenticato”, organizzato dal Centro Studi Promotor GL events e dalla Facoltà di Scienze Statistiche dell’Università di Bologna, in collaborazione con CarNext, struttura specializzata nella vendita di auto usate, è emerso che nel 2010 i trasferimenti di proprietà, a lordo delle minivolture, sono diminuiti del 10,75% a Gennaio (rispetto allo stesso mese del 2009) e del 7,33% a Febbraio (sempre rispetto allo stesso mese del 2009). Gian Primo Quagliano, direttore del Centro Studi Promotor GL events, ha sottolineato che il mercato dell’auto usata è molto cambiato negli ultimi anni, ma vi sono ancora elementi di debolezza strutturali che lo condizionano pesantemente. <<In particolare – ha affermato Gian Primo Quagliano – rimane aperta la questione delle quotazioni dei veicoli usati e quella dell’eccessivo peso della tassazione (specialmente l’imposta sui passaggi di proprietà) e della burocrazia in questo mercato. Questa situazione penalizza l’utilizzo del bene auto. Se non vi fossero questi elementi di debolezza, infatti, ci potrebbe essere una migliore corrispondenza tra le capacità economiche dell’utilizzatore e il bene utilizzato. Per porre rimedio a questa situazione è di fondamentale importanza che tutti gli operatori coinvolti nel business dell’auto usata investano sul problema delle quotazioni e che sia eliminata l’imposta sui trasferimenti di proprietà>>.
<<Per fronteggiare al meglio l’attuale situazione di mercato – ha quindi detto Franco Oltolini, direttore generale di CarNext – LeasePlan e CarNext il 10 Febbraio scorso hanno inviato una lettera al ministro dello Sviluppo Economico Claudio Scajola, con la richiesta al Governo di prendere in considerazione un programma di incentivi alla rottamazione. CarNext, poi, ha previsto la proroga per tutto il 2010 degli incentivi alla rottamazione usato su usato: tutti i clienti privati consumatori che acquisteranno un’auto usata CarNext Euro 4 con contestuale rottamazione di un usato Euro 0, 1, 2 o 3, non pagheranno i costi di trasferimento di proprietà>>. (ore 18:49)

NO COMMENTS

Leave a Reply