Roma – A maggio Ford fa registrare una flessione del settore delle nuove vetture in Europa per il secondo mese consecutivo. Le vendite sono pari a 105.500 unità, ovvero 17.100 veicoli in meno rispetto allo scorso anno. La quota di mercato è pari all’8,2%, con un decremento di 0,7 punti percentuali rispetto a maggio 2009.
<<Il principale obiettivo di Ford – ha dichiarato Ingvar Sviggum, vice presidente della Divisione marketing, vendite e assistenza di Ford Europa – è migliorare la redditività e nel primo trimestre dell’esercizio possiamo dire di esserci riusciti. Da tempo siamo pronti a far fronte al rallentamento del mercato e non siamo sorpresi nel constatare che molti nostri concorrenti continuano a reagire alla crisi ricorrendo alla tattica delle campagne di sconto aggressive che, a nostro parere, finirà per risultare insostenibile e per danneggiare il marchio. Di fronte a condizioni di mercato così difficili, abbiamo attuato un piano semplice, coerente ed efficace: incrementeremo volume e quota di mercato laddove farlo si rivelerebbe una scelta oculata, ad esempio in Turchia, mentre li ridurremo in modo controllato nelle aree di attività meno redditizie; miglioreremo i nostri margini e salvaguarderemo il valore di rivendita dei nostri prodotti continuando al contempo a offrire ai nostri clienti nuovi veicoli e tecnologie che siano i migliori possibili>>.
Ford si è riconfermato il secondo marchio di autovetture più venduto dall’inizio dell’anno e il primo nel mese di maggio, e per i primi cinque mesi del 2010 rispettivamente nel Regno Unito, in Danimarca, Ungheria, Irlanda e Turchia. La Fiesta continua ad essere la nuova vettura più venduta in Europa, con 204.000 unità vendute nei primi cinque mesi del 2010. Da quando, nell’ottobre 2008, è stato lanciato sul mercato il modello di nuova generazione, sono state 833.000 le Fiesta acquistate da clienti di tutto il mondo, di cui 730.000 europei. Recentemente, la produzione della Fiesta è stata avviata anche in Messico per il mercato del Nord America.
Da gennaio a maggio 2010, Ford ha venduto 598.400 veicoli nei suoi 19 mercati europei tradizionali, con un decremento di 4.700 unità, pari allo 0,8%, rispetto al 2009.
A maggio, il volume di vendite in Spagna è aumentato del 14,8%, pari a 1.200 unità in più, rispetto al dato comparabile 2009, raggiungendo così quota 9.200 veicoli venduti e segnando l’incremento più elevato in termini di immatricolazioni nell’intero panorama europeo in cui Ford opera. La quota di mercato di Ford è scesa di 2 punti percentuali, toccando l’8,0%.  Ford è stato inoltre il marchio estero più venduto in Italia, dove la quota di mercato si è attestata al 9%, in calo di 0,9 punti percentuali rispetto a maggio 2009. In Danimarca a maggio il volume di vendite, pari a 1.700 veicoli, ha registrato un aumento del 91% rispetto a maggio 2009 corrispondente a 800 unità realizzando così il volume di vendite nel mese di maggio più alto dal 1997.
Gli incrementi di quota più elevati sono stati registrati in Danimarca (in rialzo di 4,8 punti percentuali; quota di mercato del 13,0%, la più ampia da maggio 1997), in Irlanda (in rialzo di 1,3 punti percentuali; quota di mercato del 15,6%, la migliore in maggio dal 1996) e in Grecia (in rialzo di 1,7 punti percentuali; quota di mercato all’8,1%, la più ampia da maggio 2007).
I tre modelli più venduti di Ford Europa sui 19 mercati europei principali sono stati Fiesta (31.400 unità), Focus (22.100 unità) e Transit (10.400 unità). La Fiesta è stata anche la vettura estera più venduta per il mese di maggio in Italia. (ore 15:00)