Detroit – General Motors Company ha annunciato i risultati del primo trimestre, con un utile netto di 3,2 miliardi di dollari, ossia 1,77 dollari per azione, un risultato che segna il quinto trimestre consecutivo in nero per l’azienda. I ricavi sono cresciuti di 4,7 miliardi a 36,2 miliardi di dollari, rispetto al primo trimestre 2010.
<<Stiamo rispettando i nostri piani – ha dichiarato Dan Akerson, presidente e amministratore delegato – GM ha registrato cinque trimestri positivi consecutivi, grazie alla forte richiesta dei clienti per i nostri nuovi ed efficienti veicoli e alla struttura competitiva dei costi che ci consente di sfruttare la forza dei nostri marchi in tutto il mondo e di concentrarci su una ulteriore crescita accompagnata da profitti dell’automobile>>.
L’utile netto comprende guadagni di 1,6 miliardi e 0,3 miliardi di dollari rispettivamente relativi alle vendite delle quote detenute dall’azienda sotto forma di azioni privilegiate in Delphi Automotive Llp e Ally Financial Inc. Comprende anche 0,4 miliardi di dollari di ammortamento straordinario di avviamento in GM Europe dovuto alla variazione delle norme contabili e oneri pari a 0,1 miliardi di dollari in GM International Operations relativi alla revisione delle normative fiscali che riguardano la joint venture della società in India.  Nel loro insieme, queste poste straordinarie hanno contribuito all’utile netto per 1,5 miliardi di dollari, ovvero 0,82 per azione. Il risultato operativo (Ebit) è stato pari a 3,5 miliardi di dollari.  L’Ebit rettificato al netto delle poste speciali è stato pari a 2,0 miliardi di dollari, rispetto a 1,7 miliardi nel primo trimestre 2010. (ore 09:00)