Tokio – Suzuki Motor Corporation ha reso noti i risultati dell’ultimo bilancio consolidato relativo all’esercizio sociale dall’1 aprile 2010 al 31 marzo 2011. L’esercizio sociale si chiude con un incremento delle vendite e degli utili consolidati nonostante le avverse condizioni di mercato. La difficile situazione causata dal cambio sfavorevole è stata compensata dall’incremento delle vendite di automobili e motocicli in Asia mentre l’incremento dell’utile è dipeso dalle azioni di riduzione dei costi e dall’incremento delle vendite.
Le vendite consolidate sono aumentate a 2.610 miliardi di Yen, (+5,6% sul precedente esercizio), gli utili consolidati superano quelli dell’anno precedente raggiungendo 106,5 miliardi di Yen di utile operativo, (+34,7% sul precedente esercizio), 122,5 miliardi di Yen di risultato della gestione ordinaria, (+30,5% sul precedente esercizio)e 45,2 miliardi di Yen di utile netto, (+56,2% sul precedente esercizio).
Analizzando i risultati operativi consolidati del settore automobili, il Gruppo ha realizzato un aumento complessivo del volume delle vendite pari a 2,642 milioni di unità (+12,4% sul precedente esercizio) ed un incremento delle vendite globali per 2.320 miliardi di Yen. Il reddito operativo è aumentato a 108,5 miliardi di Yen, (+19,8% sul precedente esercizio) grazie all’incremento delle vendite nei mercati emergenti come India e Indonesia.
Per quanto riguarda invece il settore motocicli, il volume totale delle vendite (inclusi gli Atv) è stato di 2,695 milioni di unità (-10,7% sul precedente esercizio) e le vendite globali sono state di 257,7 miliardi di Yen, (-2% sul precedente esercizio) con una perdita operativa di 10,8 miliardi di Yen a causa del continuo rallentamento delle vendite nei maggiori mercati dell’Europa e degli Stai Uniti. La perdita d’esercizio è stata contenuta di 10,3 miliardi di Yen grazie al miglioramento dei risultati operativi nei mercati asiatici.
Le vendite e l’utile operativo della divisione marine e dei generatori sono stati rispettivamente di 48,6 miliardi di Yen, (+7,1% sul precedente esercizio) e 6,7 miliardi di Yen, (+26,2% sul precedente esercizio) grazie all’incremento delle vendite in Europa, Nord America, Asia e Oceania.
Per quanto riguarda i risultati operativi per area geografica, la situazione è rimasta difficile negli Stati Uniti ed in Europa, mentre in Asia le vendite aumentano a 948,6 miliardi di Yen, (+21,5% sul precedente esercizio) grazie all’incremento delle vendite di automobili e motocicli in Paesi come India, Indonesia, Pakistan e Tailandia. L’utile operativo nei mercati asiatici è sceso a 46,9 miliardi di Yen, (-16,5% sul precedente esercizio).
In Giappone le vendite hanno raggiunto 1.570 miliardi di Yen, (+5,6% sul precedente esercizio) grazie alla crescita delle esportazioni di automobili in Europa, Asia, America Centrale e Sud America. Anche l’utile operativo è aumentato in Giappone toccando 53,2 miliardi di Yen, (+55,8%sul precedente esercizio).
Per i dati di vendita per il prossimo anno fiscale, Suzuki non ha divulgato previsioni in quanto non è in grado di calcolare l’impatto del terribile terremoto che ha colpito il Giappone sulle attività di produzione. La Società divulgherà le previsioni di vendita non appena sarà possibile. (ore 17:30)