Mercedes-AMG GT3, la sportiva da competizione al Salone di Ginevra

La nuova Mercedes-AMG GT3 è pronta a debuttare nelle gare FIA GT3. L’erede della SLS AMG GT3 deriva dalla Mercedes-AMG GT e sarà pronta alla pista da fine anno.

Mercedes-AMG_GT3_(4)

Per quanto riguarda il customer sport, in nessun’altra serie c’è più varietà che nelle gare FIA GT3, dove sulla griglia di partenza si schiera l’élite delle auto sportive. Tra queste, da adesso non mancherà Mercedes, che al Salone di Ginevra 2015 presenta la “debuttante” GT3.

“Con la nuova Mercedes-AMG GT3 debuttiamo in un campionato molto combattuto e molto frequentato. L’elevato livello tecnologico e la correttezza del regolamento costituiscono per noi una motivazione a partecipare con la nostra nuova auto. Già con la versione di serie della AMG GT ci siamo volutamente inseriti in un segmento di vetture sportive molto competitivo. E ora adottiamo questa strategia anche in pista”, Tobias Moers, presidente del Consiglio di Amministrazione di Mercedes-AMG.

Le eccellenti prestazioni in pista della GT di serie sono il presupposto ottimale della GT3, ma l’équipe di sviluppo ha beneficiato anche delle esperienze maturate con la SLS AMG GT3. Per contenere il più possibile il peso della vettura, la carrozzeria è prevalentemente realizzata in carbonio: sono in carbonio cofano motore, porte, parafanghi anteriore, spoiler anteriore, grembialatura posteriore, fiancate, sottoporta, diffusore, cofano bagagliaio e alettone posteriore. Come nella versione stradale, la struttura della GT3 è formata da uno spaceframe in alluminio molto leggero ed estremamente rigido.

La carrozzeria più larga rispetto alla versione AMG GT crea spazio per la carreggiata larga degli assi a doppi bracci trasversali e per i cerchi in lega da 45,7 cm (18 pollici) con dado centrale. Sulla spalla destra e sinistra davanti alla ruota posteriore è alloggiata una presa d’aria che convoglia verso il cambio posteriore l’aria necessaria. Nel montante posteriore, ad altezza ergonomicamente ottimizzata per la squadra ai box, è integrato il tappo standardizzato dell’impianto di rifornimento rapido.

Il cofano motore presenta una grande apertura centrale che serve per deviare grandi quantità d’aria riscaldate dal modulo di raffreddamento. Hanno la stessa funzione anche gli sfiati dei passaruota che si trovano dietro alle ruote anteriori. Le prese d’aria davanti delle ruote posteriori contribuiscono invece a raffreddare i freni posteriori, mentre i terminali di scarico laterali insonorizzati al minimo tuonano le tipiche sonorità di un otto cilindri AMG.

Mercedes-AMG_GT3_(3)

Il V8 AMG da 6,3 litri ereditato dalla SLS AMG GT3 e perfezionato per l’impiego nella nuova vettura da competizione assicura una propulsione sorprendente. La lubrificazione a carter secco consente di fare a meno della coppa dell’olio: in questo modo il V8 può essere montato molto in basso e in posizione molto arretrata rispetto all’asse anteriore.

Il cambio sequenziale a sei rapporti della Mercedes-AMG GT3 è montato sul retrotreno (configurazione Transaxle) ed è collegato al motore tramite un Torque Tube resistente alle torsioni e alla coppia. Nel cambio è integrato un differenziale autobloccante a lamelle: insieme al controllo della trazione regolabile, fa sì che in accelerazione la coppia motore venga scaricata sull’asfalto in modo ottimale.

Durante tutto l’anno 2015 è previsto un intenso programma di sviluppo e collaudo, con l’obiettivo di fornire ai team privati AMG un prodotto che sia maturo e affidabile. In estate la GT3 da competizione effettuerà le prime gare di prova ed entro la fine dell’anno è prevista la consegna delle prime vetture, in modo che le squadre possano pianificarne l’impiego in gara per gli inizi del 2016.

Mercedes-AMG_GT3_(2)

SHARE
Dario Cortimiglia
Giornalista professionista dal 2005, ottiene la laurea magistrale in Televisione, Cinema e Produzione Multimediale allo IULM e nel 2009 vince un concorso SKY per cortometraggi. Conclusione? Scrive di auto, ma è ancora convinto diventerà un grande regista. Founder & admin di @igers_messina e @exploringsicily.it.