Mercedes G 500 4×4, la Classe G al quadrato

Sorella della G 63 AMG 6x6, si tratta ancora di una show car. Sulla base del riscontro ottenuto si deciderà quando (e se) produrla in serie.

Classe_G_(11)

Nuovo ingresso nella famiglia dei modelli estremi di Classe G. Alla G 63 AMG 6×6 si affianca la “sorellina” G 500 4×42. Si tratta ancora di una show car, ma è prossimo il debutto in serie. Anche se sulla base del riscontro ottenuto dalla show car si deciderà quando (e se) produrla.

La G 500 4×42 eredita da G 63 AMG 6×6 la robusta catena cinematica per le auto a trazione integrale permanente con assi a portale, in forma riadattata. Il motore biturbo V8 da 4 litri si distingue per la straordinaria potenza di 422 cv.

Osservando i dati di riferimento relativi ad assetto e catena cinematica, appare più che logico che per G 500 4×42 l’avventura off-road inizi là dove gli altri si fermano. A sorprendere, piuttosto, il fatto che la nuova “G” può comportarsi egregiamente anche su strada, grazie alla carreggiata degli assi a portale notevolmente più ampia rispetto alla vettura di serie (+299 mm), ai grandi cerchi da 22 pollici con pneumatici 325/55 R 22 e agli ammortizzatori regolabili con modalità Sport.

Ma è sicuramente il fuoristrada il territorio di caccia della G 500 4×42, per il cui uso sono stati pensati pneumatici ad hoc 37×12,5×18 pollici Mud Terrain (M/T). La trazione integrale permanente, le marce ridotte nel ripartitore di coppia, assi a portale e tre differenziali bloccabili durante la marcia pensano a fare il resto.

Dal punto di vista estetico, la Mercedes G 500 4×42 non lascia dubbi sulla sua vera vocazione. La combinazione di grandi pneumatici, notevole distanza da terra, altezza di appena 2,25 metri per 2,10 metri scarsi di larghezza, design spigoloso e minimalista sono da vera dura. Gli allestimenti interni, invece, appaiono sportivi e lussuosi in perfetto stile Mercedes.

SHARE
Dario Cortimiglia
Giornalista professionista dal 2005, ottiene la laurea magistrale in Televisione, Cinema e Produzione Multimediale allo IULM e nel 2009 vince un concorso SKY per cortometraggi. Conclusione? Scrive di auto, ma è ancora convinto diventerà un grande regista. Founder & admin di @igers_messina e @exploringsicily.it.