Il ministero dei Trasporti tedesco pronto a indagare su possibili manipolazioni del software motore da parte di Daimler. Il Gruppo gioca d’anticipo e fa partire un maxi richiamo.

Daimler gioca d’anticipo e richiama oltre 3 milioni di Mercedes con motore diesel. Finita nel mirino del governo tedesco, Daimler corre dunque ai ripari con un upgrade gratuito del software motore per i suoi clienti. La notizia arriva dopo le indiscrezioni dei giorni scorsi e a seguito dell’annuncio del ministero dei Trasporti tedesco di indagare su possibili manipolazioni del software da parte di Daimler.

Il Gruppo automobilistico aveva reagito in primo momento dichiarando “adotteremo tutti i mezzi legali per difenderci”, per poi rivedere la propria posizione e dopo la convocazione da parte del Ministero e dell’Autorità spiegare di avere in essere discussioni con Berlino volte a una risoluzione positiva della problematica.

Gli uffici Daimler erano già stati perquisiti a maggio e visto che “il dibattito pubblico attorno ai motori diesel sta creando incertezza”, le recenti parole del Ceo Dieter Zetsche, si è deciso di “avviare ulteriori misure per rassicurare i proprietari di veicoli diesel e rafforzare la fiducia nella tecnologia in questione”.

Daimler investirà adesso circa 220 milioni di euro per il maxi richiamo di 3 milioni di Mercedes da sottoporre a un upgrade del software motore, ma secondo gli analisti il costo salirà quasi certamente. Dall’esplosione dello scandalo dieselgate di Volkswagen, sono diversi i Gruppi automobilistici finite sotto inchiesta o di cui si presume il taroccamento dei motori. Guardando solo agli ultimi mesi: a giugno il ministero tedesco ha annunciato il ritiro di 24.000 Audi e a maggio gli Usa hanno aperto un’indagine su Fca. Senza contare le indiscrezioni su Renault.

NO COMMENTS

Leave a Reply