Pechino – In occasione dell’inaugurazione del nuovo Product Engineering Centre di Pechino, Mercedes-Benz ha puntato i riflettori sul prototipo G-Code. L’innovativa e versatile Sports Utility Coupé (suc) adatta per percorrere sia strade urbane che extraurbane è la dimostrazione del potenziale fascino emotivo di una futura suc compatta, e di quali possibilità in termini di evoluzione  la filosofia del design di Mercedes-Benz abbia in serbo. Anche il nuovo Product Engineering Centre del Marchio della Stella a tre punte include un centro di design completo. Sotto la supervisione della sede principale di Sindelfingen, il centro di Pechino crea modelli di design e concetti di mobilità che incorporano e mettono al centro le culture e le tendenze locali. Anche questo nuovo Advanced Design Studio all’interno del Daimler Product Engineering Centre di Pechino persegue logicamente una strategia già consolidata di Daimler. A livello globale esistono infatti cinque centri di questo tipo che fungono da ‘sismografi’ per sondare gli sviluppi specifici del mercato. Le conoscenze acquisite in questi centri vengono quindi incorporate nella concezione e nel design dei futuri modelli.
La concept G-Code è un primo esempio di questa strategia: essa interpreta infatti il linguaggio stilistico attuale incentrato sulla purezza sensuale dal punto di vista dei designer all’avanguardia di Mercedes-Benz di Pechino e Sindelfingen. La combinazione di emozioni ed intelligenza si manifesta nel lusso moderno in forma compatta. La G-Code è l’espressione perfetta dell’interpretazione attuale del design in Cina.
<<La G-Code è sia bella che intelligente, ed interpreta il nostro linguaggio stilistico tipico di una Mercedes Coupé –  ha dichiarato Gorden Wagener, responsabile del design di Daimler AG – Linea laterale da coupé, lunotto posteriore fluido e dinamico e proporzioni estremamente sportive catturano immediatamente l’attenzione. Inoltre, dimensioni compatte, un’ampia dotazione di sistemi di assistenza e telecamere oltre al sistema a propulsione ibrida plug-in variabile con autonomia di funzionamento elettrica a lunga durata, rendono questa suc ideale per affrontare il traffico delle metropoli asiatiche. Al tempo stesso la tecnologia di trazione integrale elettronica con ‘albero di trasmissione digitale’ garantisce una configurazione particolarmente sportiva ed efficiente nei consumi energetici sia su strada che in fuoristrada>>.
I designer si sono ispirati allo stile di vita moderno ed all’affinità digitale dei giovani asiatici. In futuro le preferenze di questa generazione andranno infatti soprattutto ai crossover sportivi e di tendenza, come dimostrato da studi condotti precedentemente da Daimler. La G-Code dà vita contemporaneamente ad un trend automobilistico incentrato sulle nuove tecnologie, su una cura artigianale classica e sul design.
Con la G-Code il personale degli Advanced Design Centre di Pechino e Sindelfingen non solo implementano innovazioni tecniche, ma offrono anche un’anteprima delle possibilità evolutive caratterizzante una filosofia del design incentrata sulla sensuale purezza di Mercedes-Benz. La suc da 2+2 posti è lunga circa 4,10 metri ed è dotata di porte che si aprono controvento; il profilo da coupé, il passaruota dalla linea muscolosa e il lunotto posteriore continuo senza montanti anteriori visibili, la rendono particolarmente attraente. I cristalli

senza soluzione di continuità ricordano la vetratura della cabina di un fuoribordo, conferendo alla G-Code, dalla larghezza di 1,90 metri e dall’altezza di soli 1,50 metri circa, aderenza nella configurazione orizzontale ed uno spiccato slancio in avanti anche da ferma. Una soluzione grazie alla quale il tetto pare letteralmente levitare con le barre a scomparsa e le superfici in tensione sopra la carrozzeria, lasciando la leggerezza dell’essenza automobilistica libera di esprimersi.