Michelin è riuscita a concentrare in un solo pneumatico le tecnologie estive e quelle invernali, tecnologie che fino ad oggi risultavano incompatibili tra loro.

CROSSCLIMATE

Michelin lo definisce “il primo pneumatico estivo con prestazioni da invernale”, cioè una gomma che può essere utilizzata tutto l’anno ma senza i compromessi tipici delle ”all season”. Stiamo parlando del nuovo CrossClimate che da maggio sarà disponibile in tutta Europa con prezzi che si posizioneranno, anche qui, a metà strada fra un pneumatico estivo e uno invernale.

La novità sostanziale introdotta dall’azienda francese è che il CrossClimate permette di guidare in qualunque condizione senza dover sostituire il treno di gomme due volte all’anno e, solo considerando il doppio passaggio stagionale dal gommista, si possono risparmiare fino 200 euro ogni 12 mesi, fra sostituzione e deposito.

Tutto merito di un materiale innovativo utilizzato per ottimizzare l’aderenza. Questa mescola specifica dispone della flessibilità necessaria ad aumentare la capacità della gomma di seguire le minime rugosità della strada, con qualsiasi temperatura. Consente quindi di ottimizzare l’aderenza in ogni condizione meteo e con fondo innevato, bagnato o asciutto.

Inoltre, grazie all’introduzione della silice nella mescola di ultima generazione, è stato ridotto il riscaldamento del pneumatico e quindi la resistenza al rotolamento, con conseguente riduzione del consumo di carburante.

Parliamo di un pneumatico in grado di coniugare prestazioni in classe A per la frenata sul bagnato, al pari dei migliori pneumatici estivi, con la certificazione invernale, quindi l’icona con la montagna a tre cime posta sul fianco della gomma, accanto alla dicitura M+S che mette al riparo dalle multe quando sono richieste catene a bordo o pneumatici invernali. Potremmo definirla una vera svolta e, per quanto riguarda l’affidabilità, garantisce Michelin. I test di Michelin sono infatti effettuati in condizioni limite, con il termometro da -30° a +40°.

Se si osserva attentamente il CrossClimate, si nota che Il battistrada è stato progettato con una scolpitura a “V” che migliora l’aderenza sulla neve mentre il disegno sulla parte esterna ha la funzione di offrire grip sull’asfalto asciutto. Insomma, pneumatico estivo ai lati del battistrada e invernale al centro. Infine, le lamelle con disegno a tre dimensioni hanno la funzione “autobloccante”: si agganciano fra di loro migliorando la solidità della struttura dando quindi stabilità e motricità.

I 5 milioni di chilometri di test (125 volte il giro della Terra) che sono stati necessari per lo sviluppo durato tre anni hanno consentito di verificare che, pur garantendo ottime prestazioni su neve e ghiaccio, il CrossClimate è in tutto e per tutto uguale ad un estivo: stesso peso, stessa velocità di usura, stessa rumorosità e stesse prestazioni.

“Non è un all season, è semplicemente un pneumatico che non ha concorrenti”, Jean Dominique Senard, presidente del gruppo Michelin.

Più chiari di così…

NO COMMENTS

Leave a Reply