Mondiale F1. L’amnesia di Alonso causata da un errore dei medici

Fernando sarebbe stato sedato una prima volta dai soccorritori dopo l'uscita di pista e, per errore, una seconda volta dall'equipe del centro medico del circuito prima del trasferimento in ospedale dove i medici hanno precauzionalmente deciso di tenerlo tre giorni in osservazione. Domenica in Cina la terza gara della stagione.

ALONSOL’amnesia di Fernando Alonso, negata dal pilota, post incidente sul Circuit de Catalunya nei terzi e ultimi test prestagionali, sarebbe stata causata da un errore dei medici.

La notizia è stata pubblicata dal periodico tedesco Auto Motor und Sport secondo cui Alonso sarebbe stato sedato due volte e la dose massiccia di sedativo gli avrebbe causato la momentanea perdita di memoria nelle ore immediatamente successive all’incidente.

Fernando sarebbe stato sedato una prima volta dai soccorritori dopo l’uscita di pista e, per errore, una seconda volta dall’equipe del centro medico del circuito prima del trasferimento in ospedale. La dose massiccia di sedativi sarebbe stata, quindi, la causa della perdita di memoria e l’amnesia sarebbe durata dalle 14 alle 18 del giorno dell’incidente, circostanza che avrebbe preoccupato ulteriormente i medici dell’ospedale i quali, conseguentemente in modo precauzionale, hanno deciso di tenere il pilota della McLaren Honda sotto osservazione per due giorni.

Domenica in Cina, a Shangai, la terza gara della stagione.