Abu Dhabi – La ricreazione è finita. La Red Bull affamata è tornata in classe ed alla seconda interrogazione ha preso il massimo dei voti. Sebastian Vettel giro veloce in 1'41"335 (più veloce anche con le morbide oggi pomeriggio in 1'43"062), Mark Webber secondo a 155 millesimi. Le illusioni sono subito cadute, quelle della Mercedes e della Lotus che si sono dimostrate le più competitive. La Stella ha piazzato Lewis Hamilton al terzo posto con 355 millesimi di distacco, la Lotus Kimi Raikkonen al quarto con 391 ma ha perso Romain Grosjean il quale a causa di un problema ai freni, non di poco conto tanto che i meccanici hanno dovuto smontare la parte interessate per intervenire, è rimasto bloccato al box col 12mo tempo di sessione e distacco di 1"272. 
Problemi di grip, ancora, per la Ferrari che si avvicina al gran premio con tanta preoccupazione. Fernando Alonso è stato il migliore dei due di Maranello con l'ottavo posto a 836 millesimi da Vettel, Felipe Massa ha chiuso la top ten con 1"105 di distacco.
Lo spagnolo è stato preceduto da Nico Rosberg, quinto con la Mercedes (+423 millesimi) e ultimo dei piloti in 1'41", Sergio Pérez sesto con la McLaren (+671), primo dei piloti in 1'42", Jenson Button settimo con l'altra McLaren (+675). Tra i due ferraristi Nico Hulkenberg con la Sauber nono (+989). 

SHARE
Rino Cortese
Milanese d'adozione, siciliano di nascita, è cresciuto a pane e Formula 1. E non intende smettere. Anche se la F1 cambia in continuazione e non ci saranno più piloti come Senna e Prost.