Sao Paulo – 19ma ed ultima gara. Siamo al capolinea. Con i resti del mondiale. Scampoli senza valore se non fosse per i soldi che un secondo posto costruttori porta. Nell'arena di Interlagos si sfidano Ferrari e Mercedes. Ultima chance. Non ci sono altre possibilità. O la va o la spacca. La Mercedes è già oggi seconda con 15 punti di vantaggio sulla Ferrari. la Rossa guarda il risultato 2012 e pensa. Chissà… L'anno scorso vinse Jensun Button con la McLaren, Fernando Alonso secondo e Felipo Massa terzo. Domenica sarebbe un bottino di punti da secondo posto se la Mercedes non prendesse tanti punti da difendere i 15 di vantaggio che ha. L'ultimo scampolo d'interesse in una gara che ha solo interessi marginali. Ovviamente dipende dai punti di vista. Per esempio Sebastian Vettel ha già battutto il record delle 7 vittorie consecutive di Michael Schumacher e punta ad eguagliare quello delle 13 in stagione. Ma il circuito brasiliano non gli è amico.
Ferrari contro Mercedes ma in mezzo se non davanti ci sono Red Bull e Lotus. Bisognerà fare i conti anche con Vettel e Webber da una parte, Grosjean e Kovalainen dall'altra. Non sarà facile per Hanilton e Rosberg contro Alonso e Massa. Dalla parte della Stella due piloti che vanno più spesso insieme a punti. Il Cavallino spesso ha corso solo con lo spagnolo, il brasiliano viaggi a corrente alternata. Più spesso non c'è.
Interlagos è un tracciato molto "guidato" con curvoni veloci che determinano frenate poco impegnative. Tra le 7 staccate del
circuito, nessuna presenta particolari difcoltà per l'impianto frenante che ha modo di raffreddarsi adeguatamente nonostante l'azione sul pedale del freno impegni i piloti in circa il 13% del tempo. Per l’impianto frenante la curva 01 risulta essere la più
impegnativa del circuito.
Il programma del wwek end con gli orari italiani: venerdì 22 novembre, 13:00-14:30 prove libere 1 e 17:00-18:30 libere 2;  sabato 23 14:00-15:00 prove libere 3 e  17:00-18:00 qualifiche; domenica 24, 17:00 gara.

SHARE
Rino Cortese
Milanese d'adozione, siciliano di nascita, è cresciuto a pane e Formula 1. E non intende smettere. Anche se la F1 cambia in continuazione e non ci saranno più piloti come Senna e Prost.