Hockenheim – Ormai è chiaro: la McLaren ha scelto il compromesso aerodinamico che privilegia le prestazioni nella parte guidata rispetto a quella veloce, la Ferrari ha adottato la scelta contraria. Sul giro le due soluzioni si equivalgono, anche se sul giro secco è vincente quella inglese,  ma dalla parte delle Rosse c’è la certezza di una migliore tenuta delle gomme che sulle frecce d’argento decadono prima. Vedremo nel pomeriggio ma soprattutto domani in gara chi avrà fatto la scelta vincente. In condizioni di pista asciutta, ovviamente.

E’ questa la chiave di lettura che diamo ai riscontri cronometrici della terza sessione di prove libere a conclusione delle quali ancora la McLaren, ma questa volta con Kovalainen, ha fatto il  tempo migliore con 1’15”621 ed ha tenuto dietro la Ferrari di Massa di 72 millesimi. Terzo si è classificato Hamilton che avrebbe voluto non dare la parziale soddisfazione al compagno di squadra e ci sarebbe riuscito se la smania che a volte lo porta ad esagerare non lo avesse indotto ad un fuoriprogramma all’ingresso della Curva Sud che immette sul rettilineo del traguardo.
Dei piloti impegnati nella corsa al titolo è sostanzialmente mancato all’appello conclusivo prima della conta finale del pomeriggio il campione del mondo in carica Raikkonen (nono) al quale possiamo concedere l’alibi d’avere nel corso dell’ora conclusiva tenuto il suo solito passo gara da martellatore e di non avere potuto sfruttare, causa traffico intenso, il treno di gomme morbide nelle fasi conclusive. Iceman è stato preceduto da Alonso, Vettel, Trulli, Piquet e Webber.
Si è fatto vedere, e bene, Fernando Alonso la cui Renault sembra avere scelto le stesse soluzioni delle Ferrari, tant’è che lo spagnolo è stato velocissimo nella prima parte ed ha perso sensibilmente dall’ingresso del Motodrome al traguardo.
Allarme rosso per la Bmw non solo per Heidfeld sedicesimo ma soprattutto a causa di un guasto meccanico al retrotreno della monoposto di Kubica che potrebbe addirittura pregiudicare il turno di qualifica del polacco, quarto incomodo nella corsa al titolo, a 2 punti dai tre ex aequo di testa Hamilton-Massa-Raikkonen. (ore 12:30)

SHARE
Rino Cortese
Milanese d'adozione, siciliano di nascita, è cresciuto a pane e Formula 1. E non intende smettere. Anche se la F1 cambia in continuazione e non ci saranno più piloti come Senna e Prost.