Hockenehim – Giornata da dimenticare oggi in Casa Ferrari con entrambe i piloti che hanno fatto una figura davvero magra davanti allo strapotere di Lewis Hamilton che porta a casa la gara nonostante un errore clamoroso della McLaren che non richiama ai box il suo pilota quando dopo l’entrata della safety car è stata riaperta la pit lane. Comprensibile la gioia del pilota delle Frecce d’Argento che ora si ritrova in vetta alla classifica mondiale con dalla sua un notevole vantaggio psicologico: la consapevolezza di avere praticamente azzerato il grande vantaggio che aveva nei confronti del team di Woking.
<<Pur non essendo stata una gara facilissima o comoda per me, ho sempre spinto al massimo per cercare di stare in testa anche dopo che la safety car ha annullato il mio vantaggio – ha detto Hamilton – Devo ringraziare comunque il team che sta facendo un lavoro fenomenale. Quanto ai sorpassi, quello con Hekki l’ho deciso da solo anche se di solito in squadra ci consultiamo molto. Con Massa ho provato a stare molto vicino a Felipe e prima della curva quando l’ho visto alla mia stessa velocità, ho provato e sono riuscito a sopravanzarlo, così anche con Piquet. Insomma, una giornata perfetta!>>.Entusiasta anche Nelsinho Piquet che regala alla Renault primo podio dal 2006 e che, soprattutto, mette un ipoteca sul suo posto in scuderia almeno per tutto il resto della stagione: << E’ stato un weekend molto positivo, l’auto va sempre meglio e il risultato è anche merito di Alonso che dà grande contributo – ha detto con modestia Piquet jr – Avendomi richiamato ai box un attimo prima della entrata in pista della safety car è stata un  po’ una scommessa fra il fare un solo pit stop o due, poi ho cercato di spingere al massimo come mi si chiedeva dai box, pur cercando di non strafare per non rovinare i pneumatici e ce l’ho fatta anche perché vedevo che Felipe non era poi più veloce di me, mi sono detto o prima o seconda posizione fa lo stesso e ho semplicemente cercato di mantenere posizione e passo di gara senza fare errori. Tutto è andato bene>>.
Poco da stare allegri, invece, in Casa Ferrari, nonostante l’ostentazione di tranquillità mostrata da Massa nelle interviste del dopo gara: << Oggi Hamilton è stato praticamente imprendibile, soprattutto nel primo stint. Nella seconda parte di gara abbiamo fatto qualche modifica sull’aerodinamica e le cose sono migliorate sino a che non ho avvertito qualche problema ai freni che mi ha condizionato nell’ultima parte di gara quando ho deciso che sei punti erano meglio di niente. Comunque devo fare i miei complimenti oggi a Lewis che è stato davvero fenomenale. Siamo appena al giro di boa della stagione, sono sicuro che il team come sempre mi darà grande supporto e vedremo cosa accadrà di qui in avanti>>.
A parziale assoluzione del driver brasiliano è intervenuto il super consulente Ferrari, Michael Schumacher: <<Hamilton è stato veloce oggi, ma anche noi non avevamo problemi in questo senso, mentre le difficoltà che ha avuto la vettura riguardano i freni che soprattutto a fine gara hanno dato seri problemi a Felipe che alla fine ha fatto la scelta giusta: finire la gara e prendere sei punti che sono sempre meglio di niente Siamo comunque molto vicini noi e le McLaren, la stagione è lunga e vedremo cosa accadrà>>.  (ore 15:30)