Singapore – Signori driver in carrozza. Si parte! Prossima fermata Singapore. Quattro al terminal d’arrivo (Brasile, passando per Giappone e Cina).
Assegnazione titolo piloti da decidere. Ma anche quella costruttori non può essere data per scontata alla Ferrari.
Hamilton un punto in più di Massa. Il duello è tutto loro. Favorito? Nessuno dei due. Ma… La McLaren in questa fase della stagione dimostra d’essere avanti alla Ferrari. Hamilton sa di potere contare sull’apporto di Kovalainen. Massa non può dare per scontata la sudditanza di Raikkonen. La Finlandia arbitra dell’assegnazione. Da questa prospettiva il titolo iridato lo mette meglio a fuoco Hamilton.
Indiscussa la leadership dell’inglese in Mclaren. Presuntiva quella di Massa in Ferrari. Il brasiliano non ha alcuna certezza che Raikkonen lo aiuterà.  Non lo ha fatto a Monza. Il nervosismo di Massa traspare dalle dichiarazioni che rilascia. Non ha punti di riferimento certi e il fatto che Raikkonen abbia avuto il rinnovo del contratto fino al 2010 non dà  per scontato che il finlandese non possa gareggiare per se stesso, per ripagarsi nelle ultime quattro gare di quel che gli è stato negato nelle 14 fin oggi disputate. Finché la matematica non lo metterà  con le spalle al muro dell’evidenza Iceman farà le sue gare anche perché deve recuperare su Kubica che lo ha spinto indietro, al quarto posto. E poi, per rendere più incerta la collaborazione tra i due compari il gossip orchestrato che dà Alonso in Ferrari per 4 anni prima del previsto (2011) se Kimi non dovesse ritornare competitivo con il Banco Santander pronto a pagare le penali pur di aprire le porte di Maranello allo spagnolo. Nel caso, con Massa gregario? Più probabile con Vettel, per svezzare il tedeschino protetto di Michael Schumacher e completare il suo tirocinio prima di lanciarlo nell’Olimpo iridato.
Singapore prima gara in notturna della storia della F.1. Circuito sconosciuto. Doppio handicap per i piloti. Chi riuscirà prima e meglio a lasciarsi alle spalle questa doppia incognita lo capiremo già  venerdì con i due turni di prove libere.
Hamilton-Kovalainen contro Massa-Raikkonen. Ma non solo McLaren contro Ferrari. Bmw non è ancora all’altezza delle due grandi ma continua a giocarsela gara dopo gara. E anche per Kubica la matematica lascia la porta iridata aperta. Quindi Kubica-Heidfeld contro Hamilton-Kovalainen e contro Massa-Raikkonen.
Le condizioni del tempo contro tutti. Saranno quattro gran premi in cui il tempo reciterà un ruolo determinante. Lo ha fatto l’anno scorso, in favore di Raikkonen. Ed allora nessuno dimentichi quell’angelo indiavolato che si chiama Sebastian Vettel. E se dopo Monza continuasse a fare il… (Se)Bastian contrario? (ore 09:00)

SHARE
Rino Cortese
Milanese d'adozione, siciliano di nascita, è cresciuto a pane e Formula 1. E non intende smettere. Anche se la F1 cambia in continuazione e non ci saranno più piloti come Senna e Prost.