Singapore – Circuito nuovo gerarchie vecchie. Sull’inedito e fino a stasera sconosciuto tracciato di Marina Bay illuminato a giorno dal ravennate Valerio Maioli la razza padrona non rinuncia al suo ruolo. A conclusione del primo turno delle prove libere (quando in Italia erano le 14:30) davanti a tutti i quattro di McLaren e Ferrari. Lewis Hamilton il più veloce sui chilometri 5,067 del tracciato col tempo di 1’45”518, 80 millesimi dietro Felipe Massa, 443 Kimi Raikkonen, 945 millesimi Heikki Kovalainen. E poi a seguire Kubica, Rosberg, Alonso e Heidfeld.
Anche se fin oggi solo al simulatore erano stati testati gli assetti, la prova sul campo ha dimostrato che essenzialmente i parametri sono stati azzeccati anche se ci sono molto affinamenti da fare e ce ne saranno ancora di più nel caso in cui la pioggia diventasse protagonista (circostanza da queste parti sempre incombente). Un circuito difficile, impegnativo, con curve che nascondono insidie e cordoli che sembrano trappole. Il lungo elenco dei “danzatori” che non sono riusciti ad evitare i pericoli comprende Trulli, Piquet, Vettel, Bordais, Kovalainen con le “etoile” d’occasione Webber e Button che  hanno intercettato le protezioni all’uscita della curva che porta nel tunnel sul quale è stata realizzata una delle più suggestive tribune capace di trentamila posti. Incidenti che hanno messo a nudo l’inesperienza e l’incapacità degli addetti a sgomberare in tempi accettabili la carreggiata in un tratto tra i più impegnativi per i piloti. Se in occasione dell’incidente di Webber lo sgombero della Red Bull aveva chiesto più di 5 minuti, quando si è trattato di portare in zona sicurezza la Honda di Button di minuti ce ne sono voluti ben 10!
Speriamo bene per la gara. Intanto quando in Italia saranno le ore 15:30 la pit lane accenderà il verde per il secondo turno di prove libere. (ora italiana 15:00)

SHARE
Rino Cortese
Milanese d'adozione, siciliano di nascita, è cresciuto a pane e Formula 1. E non intende smettere. Anche se la F1 cambia in continuazione e non ci saranno più piloti come Senna e Prost.