Kuala Lumpur – Con la minaccia della pioggia, che dovrebbe più realisticamente arrivare nel pomeriggio nel corso delle qualifiche, Sepang stamani ha aperto la terza e ultima sessione di prove libere all’insegna delle strategie piuttosto che dei tempi sul giro. Che pure qualcuno più di altri hanno visto impegnato. Come Heidfeld con la sua Bmw che è riuscito a mettersi, dopo 18 tentativi, davanti a tutti col tempo di 1’35”019. Tanto per cominciare davanti alle Ferrari. Raikkonen si è limitato a fare 17 giri e a non forzare più di tanto. Quanto è bastato per tenere botta a Heidfeld e lasciargli un margine di 243 millesimi ma anch’egli dentro l’1’35”, secondo tempo. Stesso numero di giri per Massa, terzo tempo con 1’35”388, a 369 millesimi dalla Bmw di testa.
Dentro il range dell’1’35”, a dimostrazione di quanto e come chi può ha finalizzato questo turno alla qualifica, ci sono altri 8 piloti. Trulli con la Toyota ha guidato questo gruppo agguerrito e determinato piazzandosi al quarto posto, seguito dalle Red Bull Renault di Webber e Coulthard, dalla Renault di Piquet, dalla Honda di Button,  dalla Toro Rosso Ferrari di Vettel, dall’altra Toyota di Glock e dalla McLaren di Hamilton, undicesimo.
Non si è capito se le McLaren, che di solito non rinunciano a nulla, se la siano presa comoda  o se il box abbia già preparato qualcosa in funzione qualifica senza scoprire le carte poche ore rima. Sta di fatto che al decimo posto di Hamilton ha fatto riscontro il sedicesimo di Kovalainen.
In “lista d’attesa” sembrano essersi messi Rosberg con la Williams Toyota, quindicesimo, e Kubica con la Bmw, diciassettesimo. La Honda di Barrichello ha chiuso la classifica della mattinata nella deprimente ultima posizione. (ore 05:00)

SHARE
Rino Cortese
Milanese d'adozione, siciliano di nascita, è cresciuto a pane e Formula 1. E non intende smettere. Anche se la F1 cambia in continuazione e non ci saranno più piloti come Senna e Prost.