Shanghai – Splendido come il sole nel temporale di Monza l’anno scorso per la sua prima pole e il grande slam conclusosi con la vittoria nel Gran Premio d’Italia. Ancora più splendente qui sotto il sole di Shanghai offuscato dallo smog delle industrie. Sebastian Vettel, classe 1987, da Heppenheim, smanioso senza diffusori si è scatenato ora che li ha anche lui sulla sua Red Bull Renault. Ed ha… messo le ali.
– Dicono che domani farete una gara con la pioggia…
<<Intanto diciamo che parto dalla prima fila, in pole position. Una gioia immensa. Pioverà? Ho già vinto sotto  l’uragano a Monza… potrebbe andarmi bene anche qui. Bisogna vedere quando pioverà e come riuscirò a partire. Ecco la prima cosa che dovrò evitare è una falsa partenza. Devo riuscire a mantenere la posizione. Non sarà facile con Fernando accanto, Webber e Barrichello immediatamente dietro. Vedremo>>.
<<Peccato – dice Mark Webber – non essere riusciti a realizzare la prima fila tutta Red Bull. Mi sentivo già davanti l’attimo prima che arrivasse al traguardo Alonso e l’attimo dopo eccomi in seconda fila con terzo tempo. La gara è lunga e faremo di tutto per migliorare. Bisognerà partire bene ed evitare le insidie della prima curva>>.
L’aquila di Oviedo plana in pit line e si concede all’intervista: <<Pensavo di fare la pole position – ammette Fernando Alonso – L’ho mancata per poco. Siamo nelle condizioni di lottare per la vittoria. Spero che in gara tutto funzioni come ha fatto in qualifica>>.
Ross Brawn ammette: <<Una sorpresa Red Bull e Renault? Forse, anzi no. Non ritenevamo di essere irraggiungibili. Siamo in ottime posizioni con entrambi i piloti e contiamo nella strategia per raggiungere con entrambi il podio>>.
Felipe Massa è scatenato: <<Non possiamo continuare a lottare in queste condizioni. Oggi andavamo un po’ meglio e forse potevo anche fare il tempo buono per entrare nella Q3. Sta di fatto che per competere con i più forti in questo momento bisogna osare di più e si commettono più errori. Non c’è tranquillità perché la macchina è ancora poco prestazionale>>.
– Kimi, ma è vero che hai tanta benzina perché pioverà?
<<Oggi non ha piovuto. Domani… chi può dirlo con certezza. Più carico di benzina? Abbiamo la nostra strategia. Incrociamo le dita…>>.
Hamilton ha interrotto il “silenzio stampa”: <<Meglio di così non si poteva fare. Possiamo fare meglio in gara. Vedremo dopo la partenza come si mettono le cose>>.