Monza – Se lo spettacolo andato in scena stamattina è la prova generale della qualifica del pomeriggio teniamoci forti e prendiamo dosi massicce di valeriana perché rischiamo di assistere a situazioni sconvolgenti. Senza tenere conto dei differenti carichi di benzina, riscontriamo che ben dieci piloti sono stati in grado di fare 1’23” con una range di 6 decimi compreso tra 1’23″336 di Adrian Sutil con la Force India e l’1’23″996 di Robert Kubica con la Bmw. In mezzo, nell’ordine, Button (BrawnGP), Heidfeld (Bmw), Barrichello (BrawnGP), Hamilton e Kovalainen (McLaren), Liuzzi (Force India), Alonso (Renault), Glock (Toyota).
Sutil all’ultimo girto nell’ultimo minuto ha tolto il primo posto a Button che se lo stava già godendo. Il tedesco è stato più veloce di ieri pomeriggio e più veloce, ovviamente dell’inglese di 68 millesimi. La Force India che in Belgio era stata sconvolgente con Fisichella dimostra di poterlo essere anche quì senza Fisichella. Il quale sta incontrando più problemi di adattamento di quanto non avesse immaginato, al punto che è andato anche a sbatacchiare contro una barriera riuscendo a fare solo 10 giri nell’ora di libere 3 e presentandosi al via delle qualifiche con la certezza di un ultimo posto marcato Venerdì pomeriggio e stamane. Kimi Raikkonen ha fatto meglio, nel senso che almeno si è classificato dodicesimo con 1’24″302, tempo a rischio di affondamento nella Q1. Preoccupazioni condivisa dai due piloti Red Bull i quali hanno i motori contati, anzi non ne hanno più, e quindi devono gestirsi al risparmio ma è anche vero che così facendo non sembrano essere in grado di dare l’affondo che quì si chiede contro i due della BrawnGP per non vedersi sbattere in faccia le possibilità iridate.
Stanotte ha piovuto in Brianza, stamane c’era il sole ma la pista non era più quella gommata di ieri. Ciò nonostante alcuni hanno lavorato bene, altri male. Non ci sono alibi. Per il pomeriggio il tempo dovrebbe mantenersi al bello. (ore 12:30)

SHARE
Rino Cortese
Milanese d'adozione, siciliano di nascita, è cresciuto a pane e Formula 1. E non intende smettere. Anche se la F1 cambia in continuazione e non ci saranno più piloti come Senna e Prost.