GP Bahrain, soddisfatti e delusi dopo la prima prova libera

GP Bahrain, soddisfatti e delusi dopo la prima prova libera

0 1

Manama – Oddio, si tratta appena di un’ora e mezza e nessuno vuole credere che il responso delle libere 1 sia da prendere per valori assoluti.  Ed è anche vero che le monoposto hanno girato con carichi di benzina e gomme diverse. Premessa necessaria ma conclusione in cui la soddisfazione riempie i cuori e le mente di alcuni outsider ma provoca delusione e sgomento in quelli di alcuni favoriti (sulla carta). Il dato certo, e vien da dire lo avevamo detto, scaturisce dalle prestazioni tutte negative delle nuove squadre e da alcuni debuttanti: Bruno Senna con la Hispania Cosworth ha fatto solo 3  giri e finito fuori pista, è rientrato mestamente al box e risulterà 23mo senza tempo; il suo  compagno di squadra Chandhok non è neanche entrato sul circuito per fare un giro che dicasi uno, ventiquattresimo senza tempo; così come di Grasi con la Virgin Cosworth, ventiduesimo senza tempo; le due Lotus Cosworth di Kovalainen e Trulli hanno girato così “veloci” da prendersi rispettivamente 7″265 e 7″387; in questo range terrificante anche l’altra Virgin di Glock, a 7″097 dal miglior tempo della sessione.
Che è stato di Adrian Sutil con la Force India motorizzata Mercedes. Il tedesco sul giro allungato quest’anno di km 6,299 ha spiccato 1’56″583, quanto è bastato per tenere dietro la Ferrari di Fernando Alonso di 183 millesimi. Lo spagnolo, due volte campione del mondo con la Renault, è stato di fatto il migliore in assoluto dei cosiddetti big dal momento che Robert Kubica con la Renault, pur terzo, ha registrato un distacco di 458 millesimi, Felipe Massa, quarto con l’altra Ferrari, di 472 millesimi, le McLaren Mercedes, certificate in regola dalla Fia alla vigilia, di Jenson Button e Lewis Hamilton, rispettivamente quinto e sesto a oltre mezzo secondo. Delle due Mercedes meglio ha fatto quella guidata da Nico Rosberg finito ottavo a 616 millesimi da Sutil mentre Michael Schumacher è stato relegato al decimo posto col pesante distacco di 1″079. Tra i delusi anche i due Red Bull Renault con Mark Webber nono a 672 millesimi e Sebatian Vettel undicesimo a 1″360. Degli italiani, anticipato di Jarno Trulli, c’è da segnalare il settimo posto di Vitantonio Liuzzi con la Force India a 611 millesimi dal compagno di squadra.
Seconda sessione dalle 12 alle 13:30, ora italiana. Per capire di più? Forse. (ore 10:00 in Italia)

NO COMMENTS

Leave a Reply