Sepang – Il buongiorno in Malesia lo ha dato la Red Bull. Tanto per… cambiare quella di Mark Webber che giro dopo giro ha preso il ritmo migliore e a conclusione di 22 giri ha fermato il cronometro su 1’37″651 aggiudicandosi il primato delle libere 1 che nessuno è riuscito ad insidiargli. Figuratevi che il secondo, Lewis Hamilton con la McLaren Mercedes (16 giri nell’ora e mezza e una spettacolare escursione sulla ghiaia), è a  più di un secondo e mezzo e il terzo, Michael Schumacher con la Mercedes (ha fatto 29 giri), a 2″140 millesimi.
E’ stata una mattinata che ha evidenziato problemi per molti e test particolari per altri. Ad esempio la Ferrari si è impegnata per tutta la sessione nel provare nuove soluzioni aerodinamiche e non si è in alcun momento preoccupata di tentare un giro veloce. Felipe Massa ha concluso la sessione al sesto posto dopo 22 giri a 2″802 millesimi da Webber preceduto, nell’ordine, da Nico Hulkemberg terza guida della Force India Mercedes e da Pastor Maldonato con la Williams Cosworth, mentre Fernando Alonso (due volte fuori pista) ha ottenuto il nono posto dopo 23 giri a 2″950 dall’australiano, preceduto da Nick Heidfeld, settimo con la Renault, e da Rubens Barrichello, ottavo con la Williams Cosworth. Nico Rosberg con la seconda Mercedes ha chiuso la top ten della mattinata a 2″995 millesimi da Webber.
Tra quelli che hanno evidenziato i maggiori problemi c’è Jenson Button che ha lamentato mancanza di grip al posteriore e troppo gioco al volante nell’impostazione delle curve. La Renault ha avuto problemi all’impianto frenante su entrambi le monoposto: Heidfeld ha avuto un guasto sull’anteriore destro in frenata ed ha dovuto fare un intero giro con la gomma bloccata che si è poi logorata e afflosciata provocando danni alla “pancia” della vettura; Vitaly Petrov, sempre a causa dei freni non ha potuto evitare di finire fuori pista e per abilità ha evitato l’impatto con le barriere che avrebbero potuto danneggiare la Renault (si è classificato ultimo con appena 4 giri fatti).
La Virgin di Jerome d’Ambrosio ha subito un guasto alla sospensione anteriore destra in frenata all’ultima curva e ha innescato un testa-coda spettacolare che ha portato la monoposto a ridosso delle barriere.
Problemi per la Hispania che quì vuole evitare la tagliola del 107% che l’ha esclusa dalla gara australiana: il motore della monoposto di Narain Karthikeian ha mandato vistosi e preoccupanti segnali di fumo, mentre Vitantonio Liuzzi  si è impegnato nei test d’una nuova ala anteriore. (ore 06:00 in Italia)

SHARE
Rino Cortese
Milanese d'adozione, siciliano di nascita, è cresciuto a pane e Formula 1. E non intende smettere. Anche se la F1 cambia in continuazione e non ci saranno più piloti come Senna e Prost.