Sepang – I temporali ancora solo annunciati, temperatura alta con 45 gradi sull’asfalto. Libere 3 ultima chiamata prima delle qualifiche di oggi pomeriggio (in Italia saranno le 10 del mattino). Rispondono all’appello Lewis Hamilton e la McLaren che a conclusione dell’ora a disposizione concludono in vetta alla classifica con 1″36″340, crono che migliora di oltre mezzo secondo l’1’36” delle libere 2 di Mark Webber il quale stamane pur limando la prestazione di ieri rimane a 290 millesimi dall’inglese. La Red Bull dell’australiano è stata messa in mezzo dalla McLaren che ha piazzato Jenson Button al terzo posto, anch’egli nell’1’36” e a 422 millesimi dal connazionale e compagno di squadra.
Impegnato a fare esperienza con l’ala mobile e con il kers (non è stato ancora deciso se lo adotterà in qualifica e in gara) Sébastian Vettel è rimasto nel tempo di 1’37” per una quinta posizione che gli fa registrare 835 millesimi di ritardo da Hamilton, preceduto dalla Renault di Nick Heidfeld quarto a 775 millesimi dall’inglese.
La Ferrari continua a manifestare problemi aerodinamici e di grip e Fernando Alonso pur impegnandosi non è riuscito a migliorarsi come gli altri rimanendo dentro 1’37″284 per un sesto posto che se non scoraggia la dice lunga sulle reali possibilità che lo spagnolo ha nel pomeriggio per tentare la sorpresa nella top ten. Felipe Massa, ottavo a 1″422 dalla vetta, in qualifica dovrà fare gli straordinari per evitare di rimanere fuori dalla top ten perché l’ottavo posto di stamane (il settimo lo ha conquistato Vitaly Petrov con la Renault) può essere insidiato da Kamui Kobayashi con la Sauber Ferrari oltre che dalle due Mercedes di Michael Schumacher e Nico. Il giapponese e i due tedeschi si sono classificati stamane, rispettivamente, nono, decimo e undicesimo. Ma bisognerà non perdere di vista anche Sergio Perez con l’altra Sauber Ferrari (dodicesimo).
Per le Hispania di Liuzzi e Karthikeian, penultimo e ultimo, aleggia nuovamente il fantasma del 107% che potrebbe escluderli dalla gara come in Australia. (ore 08:30 in Italia)

SHARE
Rino Cortese
Milanese d'adozione, siciliano di nascita, è cresciuto a pane e Formula 1. E non intende smettere. Anche se la F1 cambia in continuazione e non ci saranno più piloti come Senna e Prost.