Barcellona – Giornata di sole sul circuito della Catalunia nella prima blanda sessione di prove libere. Ma non bastano l’aria di casa, l’ottimo clima e l’entusiasmo post rinnovo contrattuale per farci vedere tutta la grinta di un ritrovato, emotivamente, Fernando Alonso. Il miglior tempo lo segna, tanto per cambiare, la Redbull, che senza troppi fronzoli fa capire che se si vuole evitare una chiusura anticipata del mondiale bisogna fare di più.
Redbull, quindi. Il miglior tempo non è però di Vettel, che ha recentemente dichiarato di non escludere un futuro in Ferrari, è di Mark Webber. L’australiano ferma il cronometro a 1’25”142, un secondo più veloce del compagno di scuderia, secondo con 1’26”149.
Dietro la coppia Redbull spunta Nico Rosberg con la Mercedes a 1’26”379” e solo quarto Fernando Alonso con 1’26”379. Piacevole sorpresa il messicano Sergio Perez con la Sauber che disputa una buona sessione, marcando il quinto tempo con 1’26”738 e scavalcando la McLaren di Lewis Hamilton, sesto con il tempo di 1’26”988. Per trovare l’altro ferrarista bisogna scorrere in giù la classifica, e di molto. Felipe Massa è 16esimo ad oltre 2 secondi (1’28”654) dal compagno di squadra Alonso, ma l’attenuante del brasiliano è di aver seguito un programma di prove libere diverso da quello dello spagnolo.
Completano la top ten la Mercedes di Michael Shumacher, che continua a dichiararsi contento di essere tornato a gareggiare in F1, settimo (1’27”016), Nick Heidfield con la Renualt ottavo (1’27”132), Jenson Button sulla McLaren nono (1’27”138) e Rubens Barrichello su Williams decimo (1’27”212).
Bandiere gialle dopo l’uscita di pista, senza conseguenze, di Pastor Maldonado finito fuori con la sua Williams.
La seconda sessione di prove libere si disputerà alle ore 14:00. (ore 12:00)

SHARE
Rino Cortese
Milanese d'adozione, siciliano di nascita, è cresciuto a pane e Formula 1. E non intende smettere. Anche se la F1 cambia in continuazione e non ci saranno più piloti come Senna e Prost.