Silverstone – Dopo la mappatura, che non ha cambiato il rapporto di forze, gli scarichi. Aspettiamo il Gran Premio di Gran Bretagna vivendo un’altra grande illusione. Facendo finta di non tenere in considerazione che continuando questo andazzzo al Nurburgring, il prossimo 24 luglio, Sebastian Vettel potrebbe laurearsi per la seconda volta campione del mondo con nove gare d’anticipo. Nel caso ci dedicheremo al toto-secondo posto. Capitolo che sarà certamente molto più interessante.
Intanto e comunque Silverstone, domenica prossima, dove il principe Harry premierà il vincitore del Gran Premio (notizia confermata dal Clarence House). La premiazione avverrà per la prima volta sul nuovo podio, che si affaccia sull’Ala di Silverstone, con le auto che ora partiranno sul rettilineo principale posto tra la Club e la prima curva della Abbey. Sebbene il reale sarà al centro dell’attenzione generale, ci saranno altri volti noti presenti alla manifestazione inglese. L’elenco completo sarà reso noto nelle prossime 24 ore.
Nonostante il grande distacco in entrambe le classifiche stagionali, Alonso a -99 dall’imprendibile Vettel, la Rossa addirittura a 166 punti di differenza dalla Red Bull, Luca Cordero di Montezemolo crede ancora alla rimonta. Da mettere in atto già a partire da questo week-end. <<Sappiamo che la situazione nelle due classifiche è difficile -a detto il presidente della Ferrari – ma non voglio sentire parlare di mollare la presa. Dobbiamo continuare a lottare per la vittoria ad ogni gara, com’è d’obbligo per la Ferrari. Nei giorni scorsi ho fatto il punto della situazione insieme a Stefano Domenicali e ai suoi tecnici. Stiamo lavorando con il massimo impegno e si sono visti già dei progressi rispetto alle prime gare, frutto anche di un diverso approccio allo sviluppo della vettura. Ho fiducia in quello che stanno facendo Domenicali e i suoi e sono convinto che ne vedremo i risultati. In generale penso sia stata una prima parte di stagione positiva per la Formula 1. Devo dire che le gare sono tutte molto incerte e ricche di sorpassi, interessanti per il pubblico fino alla fine, sia sulle tribune sia in televisione. Era uno degli obiettivi che il nostro sport si era posto e credo sia stato raggiunto>>.
Williams tra presente e futuro. Il team inglese ha firmato un accordo per usare i motori Renault dal prossimo anno per due stagioni, con la possibilità di estendere il contratto fino al 2014, quando comincerà la nuova era dei motori turbo V6. Il binomio anglo-francese si ripropone dopo la produttiva collaborazione che dal 1989 al 1997 consentì alla Williams di conquistare quattro titoli piloti e cinque costruttori. <<Renault resta in Formula 1 per ottenere successi e la partnership con la Williams si propone di aggiungere altri risultati a quelli ottenuti negli ultimi anni con le nostre squadre partner – afferma il presidente di Renault Sport F1, Bernard Rey – Dal 2012 in poi il fatto che avremo quattro soci ci mette davanti ad altri costruttori in termini di quota di mercato e fuori pista ci permetterà di utilizzare la Formula 1 come una piattaforma di marketing per la nostra casa madre”.
“Siamo felici ed eccitati dalla nostra nuova partnership con Renault – aggiunge il team principal Frank Williams – . Questo accordo riunisce il team di F1 con una importante casa automobilistica e completa il nostro nuovo rapporto con Jaguar. Allo stesso tempo, siamo grati a Cosworth: sono stati un partner leale e affidabile sia dentro che fuori la pista per gli ultimi due anni. Il nostro rapporto precedente con Renault ha portato tanti successi ma non permetteremo a noi stessi di soffermarci troppo sul passato. Dobbiamo guardare al futuro e continuare a ricostruire la nostra reputazione in pista e l’annuncio di oggi ci aiuterà a farlo>>.
Per la Williams si tratterà di un ritorno agli anni d’oro. Il team, con i motori Renault, ha vinto 63 gran premi e quattro titoli mondiali piloti con Nigel Mansell (’92), Alain Prost (’93), Damon Hill (’96) e Jacques Villeneuve (’97). In Formula 1 con la Williams le monoposto motorizzate Renault dall’anno prossimo diventano così quattro: Red Bull, Renault e Team Lotus.
Il wee-end inglese comincerà venerdì con le libere 1 alle dalle 11:00 alle 12:30 (in Italia) per proseguire nel pomeriggio con le libere 2 dalle 15:00 alle 16:30, sempre ora italiana. (ore 10:00)

SHARE
Rino Cortese
Milanese d'adozione, siciliano di nascita, è cresciuto a pane e Formula 1. E non intende smettere. Anche se la F1 cambia in continuazione e non ci saranno più piloti come Senna e Prost.