Monza – Nessuno riesce a fare il tempone mattutino di Hamilton il quale,quindi, resta il più veloce del venerdì e si prende la pole position provvisoria. Nel pomeriggio tutto rientra nella normalità, con qualche eccezione. E nella normalità i tempi sul giro si sono mantenuti uniformi. Sette piloti nel tempo di 1’24” e tra il primo e il settimo poco più di quattro decimi di distacco.
Il primo è stato Sebastian Vettel con 1’24″010 il quale con la sua Red Bull ha preceduto la McLaren di Lewis Hamilton di 36 millesimi, nonostante un problema alla frizione. Al terzo posto a 337 millesimi un sorprendente Michael Schumacher (anche se ha fatto un errore alla prima chicane) con la Mercedes oggi pomeriggio “vedova” di Nico Rosberg il quale ha avuto una serie di problemi che lo hanno relegato al ventiduesimo posto con un tempo da Hispania o da Virgin, 1’29″184.
La Ferrari è stata sotto il ritmo delle monoposto migliori, soprattutto con le gomme dure né quando ha usato le morbide è riuscita a fare tempi che aprano all’ottimismo. Il migliore è stato Felipe Massa, quarto a 356 millesimi da Vettel mentre Fernando Alonso, lungo alla chicane e successivamente fuori alla curva 2, si è fermato al quinto posto a 423 millesimi dalla vetta.
Gli altri due piloti entrati nell’1’24  sono stati Mark Webber e Jenson Button. L’australiano ha concluso la sessione al sesto posto con +458 millesimi dal compagno di squadra, l’inglese settimo con la sua McLaren e +498 di distacco.
La top ten è stata completata dalle Sauber di Sergio Pérez ottavo in 1’25″097 e Kamui Kobayashi nono in 1’25″182, e Bruno Senna con la Renault, decimo in 1’25″325, 125 millesimi in  meno dell’altra Renault di Vitaly Petrov costretto all’undicesimo posto. (ore 15:45) 

NO COMMENTS

Leave a Reply