Doha – Tempi nettamente più bassi di stamane, McLaren in grande evidenza, incidenti condizionanti per due protagonisti. Le libere 2 sul circuito di Yas Marina hanno proposto diversi argomenti importanti.
McLaren, quindi. Nella prima fila virtuale del venerdì. Lewis Hamilton davanti al compagno di squadra Jenson Button, 1’39″586 contro 1’39″785, differenza a favore di Lewis 199 millesimi.
Nella seconda fila virtuale della griglia le due Ferrari, Fernando Alonso davanti a Felipe Massa. Tra i due appena 9 millesimi, Alonso +385 millesimi da Hamilton, Massa +394 con l’ala anteriore sempre “svolazzante”, in alcune parti del circuito in modo preoccupante. Lo spagnolo, per altro, è stato coinvolto in un incidente che lo ha costretto al box per un lungo periodo. Alla curva 1 ha perso il posteriore, è finito contro le barriera danneggiando la sospensione. Meccanici al lavoro per consentirgli domani nelle libere 3 di potere avere una monoposto in grado di comportarsi come oggi.
I piloti dei primi quattro posti sono stati gli unici nel tempo di 1’39. Mark Webber, infatti, è già nell’1’40” come il compagno di squadra Sebastian Vettel. L’australiano si è classificato al quinto posto a 518 millesimi da Hamilton, il campione del mondo sesto a 546. Vettel è stato coinvolto, prima di Alonso, in un incidente alla curva 1: testacoda dopo aver messo due ruote sul cordolo in frenata, l’area di fuga è riuscita a rallentare molto la vettura  ma non ha potuto evitare le barriere, il danno è stato minimo, solo l ‘ala anteriore rotta, ma la sua sessione è stata interrotta, i meccanici hanno lavorato veloci e gli hanno consentito di riprendere la pista per gli ultimi 10 minuti.
La top ten del pomeriggio è stata completata da Michael Schumacher, settimo, Adrian Sutil ottavo, Paul di Resta nono e Kobayashi decimo.  Nico Rosberg con la sua Mercedes ha avuto un pomeriggio difficile e l’ora e mezza allo scadere lo ha… sorpreso al ventesimo posto con il giro più veloce di 1’44″265. (ore 16:00 in Italia)

NO COMMENTS

Leave a Reply