Interlagos – 15 gradi la minima, 25 la massima e sole splendente nel cielo di San Paolo. Secondo gli esperti  meteo anche domani bel tempo ma pioggia in gara. Sarebbe a dire che tutto il lavoro che sarà fatto oggi e domani servirà a poco o niente.
A prescindere dalla condizioni atmosferiche in gara, stamane è stato lanciato un doppio allarme rosso per la Ferrari e ad Alonso. Il motore della Rossa dello spagnolo è andato in fumo. Alle ore 11:22 alla curva Senna Alonso si è dovuto fermare e per lui le prove della mattina sono terminate. Dovrà cambiare motore. A questa notizia si abbina quella che arriva dal fronte nemico: la Red Bull di Webber ha fatto il migliore tempo, le McLaren di Jenson Button e Lewis Hamilton sono andate vicinissime all’australiano.
Mark Webber, quindi. 1’13″811. Siamo ben lontani dall’1’12” di Vettel l’anno scorso nelle libere e dall’1’12″810 dello stesso Mark, ma è un buon tempo come prima giornata. Jenson Button gli andato vicinissimo, questione di millimetri, +14 millesimi. Lewis Hamilton un’iniezia in più, +150 millesimi e soprattutto la sottolineatura d’essere stato il terzo e ultimo pilota nell’1’13”.
Perché Sebastian Vettel con l’altra Red Bull è già 1’14″025, +214 millesimi dal compagno di squadra, seguito dai due ferraristi Felipe Massa, quinto a +696 millesimi, e Fernando Alonso (che comunque prima dell’avaria al motore era riuscito a mettersi in evidenza), sesto a +730. E questo è stato il trio dell’1’14”
La top ten è completata  da quattro piloti tutti nel range di 1’15”. Settimo è Michael Schumacher con la Mercedes che ha sommato un distacco di 1″351, ottavo Nico Hulkenberg con la Force India (l’anno scorso sorprendente poleman con la Williams) con +1″367, nono Paul di Resta con l’altra Force India con +1″430 e decimo Nico Rosberg con la Mercedes con 1″510.
Escursionisti in mattina Kobayashi alla Bico de Pato, Alguersuari alla curva 5 e Vettel alla curva 4. (ore 15:00 in Italia)

SHARE
Rino Cortese
Milanese d'adozione, siciliano di nascita, è cresciuto a pane e Formula 1. E non intende smettere. Anche se la F1 cambia in continuazione e non ci saranno più piloti come Senna e Prost.