Melbourne – Mattinata di sole, pista asciutta e un’ora per recuperare il tempo perso ieri per la pioggia. A conclusione di un appassionante duello alla fine Lewis Hamilton e la McLaren hanno avuto il sopravvento su Romain Grosjean e la Lotus. Diciotto giri per l’inglese, 21 per il francese con rispettivamente migliore tempo 1’25″681 e 1’25″758. Appena 77 millesimi di differenza.
Altri tre piloti sono entrati nel range di 1’25”. Mark Webber, 20 giri con la Red Bull che ha concluso al terzo posto a 219 millesimi da Hamilton; Jenson Button, 17 giri con l’altra McLaren quarto a 225 millesimi; Nico Rosberg, 23 giri (è il pilota che ha girato di più insieme con Nico Hulkenberg) con la Mercedes quinto a 248 millesimi.
La top ten di questa mattina è completata da quattro piloti tutti con 1’26”. Sono Michael Schumacher-Mercedes (escursione alla curva 9 senza conseguenze), 14 giri e sesto posto a 397 millesimi da Hamilton; Sebastian Vettel-Red Bull (pericoloso testa-coda alla curva 6 e fermata a pochi centimetri dal muretto ma lavoro ridotto), 12 giri e settimo a 530 millesimi; Pastor Maldonado-Williams Renault, 17 giri e ottavo a oltre 7 decimi; Sergio Perez-Sauber Ferrari, 20 giri e nono a oltre 9 decimi; Daniecl Ricciardo-Toro Rosso Ferrari, 17 giri e decimo a 1″042.
Preoccupante mattinata per la Ferrari, fuori dalla top ten e relegata nei bassifondi della classifica. Fernando Alonso ha fatto 19 giri con rilevamenti cronometrici mai di rilievo ed ha concluso al 16mo posto distaccato dalla McLaren di testa di 1″642. Peggio ha fatto Felipe Massa, il quale sembra subire la stessa pressione dell’anno scorso anche perché si rende conto di avere una monoposto non all’altezza delle migliori. Il brasiliano si è fermato al 18mo posto, con +2″342 da Hamilton. Per la Rossa si annunciano qualifiche disastrose. Aspettiamo le ore 17 (in Italia le ore 07:00) per conoscere tutta la prima verità. (ore 05:30 in Italia)

SHARE
Rino Cortese
Milanese d'adozione, siciliano di nascita, è cresciuto a pane e Formula 1. E non intende smettere. Anche se la F1 cambia in continuazione e non ci saranno più piloti come Senna e Prost.