GP MALESIA. Hamilton, scusate se insisto

GP MALESIA. Hamilton, scusate se insisto

Sepang – E’ proprio incazzato Lewis Hamilton. Il terzo posto di Melbolurne ce l’ha ancora sullo stomaco. E più indigesta è la considerazione che qualcuno ha fatto sulla leadership all’interno della McLaren. Ed ecco il Nostro ancora davanti a tutti nelle libere 2. Anche se più lento, a causa anche del traffico, di 151 millesimi con le gomme morbide rispetto a stamane, con le dure, è stato il più veloce con 1’38″172. Quanto è bastato per tenere dietro di 361 millesimi la Mercedes di Michael Schumacher che al contrario ha migliorato di 293 millesimi il crono delle libere 1, ed il compagno-rivale Jenson Button di 363 millesimi il quale però ha nettamente abbassato il tempo di stamane di oltre 7 decimi dimostrando una progressione allarmante (per Hamilton).
Nico Rosberg ha conquistato il quarto posto, nell’occasione sopravvanzato dal compagno di squadra, a poco più di mezzo secondo da Hamilton. Il sorprendente Daniel Ricciardo con la Toro Rosso Ferrari si è ritagliato un incoraggiante quinto posto a 681 millesimi da Hamilton.
Sesto posto per la Ferrari di Fernando Alonso con 1’38″891 a poco più di 7 decimi dalla McLaren di testa ma in confortante miglioramento sul deludente 1’39″980 di stamane, quindi -1″089. Soprattutto riscontri confortanti sul passo lungo come in Australia. Niente di che ma possibilità di entrare nella Q1. Possibilità che allo stato attuale non sembra avere Felipe Massa, 16mo. Il brasiliano ha spiccato 1’40″271 che significa peggioramento disastroso sull’1’39″896 di stamane, in distacco sono 2″099 da Hamilton, 375 millesimi dal suo tempo delle libere 1.
La più veloce delle Red Bull è stata quella di Mark Webber che ha concluso al 7mo posto con 1’39″133, a più di 9 decimi da Hamilton, quasi allineato all’1’39″042 di stamane. Sebastian Vettel  ha preso il 10mo posto, in chiara difficoltà (si è lamentato col team radio per la mancanza di “equilibrio” della monoposto che notava in alcuni tratti del circuito). Il distacco del campione del mondo da Hamilton è stato di 1″230, in regresso rispetto al secondo posto di stamane e ai 514 millesimi ricevuti da Lewis.
Ottavo posto per l’altra Toro Rosso di Jean-Eric Vergne a 1″125 da Hamilton. In difficoltà anche la Lotus Renault che ha avuto ancora Romain Grosjean davanti a Kimi Raikkonen: nono posto per il francese, +1″139 da Hamilton, 15mo per il finlandese, +1″524.
Registriamo un paio di escursioni fuoripista di Paul di Resta la cui Force India Mercedes ha manifestato anche un principio d’incendio nella parte posteriore sinistra; la sostituzione del cambio alla Sauber Ferrari di Kamui Kobayashi, il quale per la sosta forzata ha potuto fare solo 16 giri (il minimo della seconda sessione); le Hispania sono ancora al di sotto del 107% ma i 40 giri complessivi fatti oggi pomeriggio rispetto agli appena 26 di stamane fanno bene sperare per la qualifica sia di Narain Karthikeyan sia di Pedro de La Rosa, rispettivamente 23mo e 24mo. (ore 09:00 in Italia)
Mercedes-Amg safety car e medical car
Sepang – Mercedes-Amg si conferma protagonista anche nella stagione 2012 di Formula 1, che ha registrato il debutto della nuova scuderia Mercedes Amg Petronas, ma anche il ritorno della F1 safety car ufficiale e della F1 medical car ufficiale Mercedes-Amg. Sls Amg e C 63 ​​Amg Station Wagon assicurano la massima sicurezza in pista, in situazioni di emergenza.
Il modello Ali di gabbiano, con le caratteristiche luci sul tetto e i loghi Fia F1 sulla carrozzeria in alluminio, è dal 2010 safety car ufficiale del Mondiale di Formula 1. Non appena la direzione di gara ritiene a rischio la sicurezza in pista, fa uscire la Sls Amg.
 <<Condizioni atmosferiche avverse o incidenti sono i principali motivi che giustificano l’utilizzo della safety car – sottolinea Bernd Mayländer, pilota ufficiale della F1 safety car – Rimaniamo in attesa ai box, pronti a ricevere l’ordine via radio di uscire in pista per garantire la sicurezza sull’intero circuito fino a quando la situazione di pericolo è stata risolta>>.
La Fia (Fédération Internationale de l’Automobile) ha affidato il compito di guidare la safety car al quarantenne pilota Bernd Mayländer, dal 2000. Quando il calendario di Formula 1 lo consente, Mayländer, nativo di Schorndorf, Germania, lavora anche come istruttore per l’Amg Driving Academy e partecipa agli eventi speciali organizzati da quest’ultima in qualità di ambasciatore del marchio Mercedes-Benz. Il copilota di Mayländer è Pete Tibbetts (45 anni, dalla Gran Bretagna), membro della Fia, in costante contatto radio con la direzione di gara. La Sls Amg F1 safety car viene utilizzata per tutto il fine settimana dei GP e in gran parte delle gare di contorno quali Serie GP2 e GP3 e Porsche Supercup. (ore 12:00 in Italia)

NO COMMENTS

Leave a Reply