Yeong-am – Un atto di forza che viene recepito come un atto di intimidazione. La Red Bull del dietro le quinte di stamane è venuta alla ribalta prepotentemente nel pomeriggio. E non c’è stato nulla da fare per tentare di entrare nello stesso crono di Sebastian Vettel e Mark Webber. 1’38″832 il due volte campione del mondo, 1’38″864 l’australiano, primo e secondo ad appena 32 millesimi.
Il terzo, che è stato Fernando Alonso (seconda stamane) con la Ferrari ha fatto 1’39″160, il distacco è di 328 millesimi. Era stato di 302 in mattinata sul crono di Lewis Hamilton il quale, da parte sua, in questa seconda occasione si è fermato all’ottavo livello con oltre 8 decimi distacco su Vettel. Meglio di lui ha fatto il compagno di squadra in McLaren, Jenson Button, il quale ha ottenuto il quarto posto a 387 millesimi.
La Mercedes ha fatto un sandwich con ingrediente Felipe Massa. Michael Schumacher ha ottenuto la quinta posizione (+498 millesimi) e Nico Rosberg la settima (+752): in mezzo la Ferrari di Felipe Massa (+590 millesimi).
La top ten è stata completata dalla Force India di Nico Hulkenberg (nono come stamane era stato il compagno di squadra Paul di Resta) e dalla Lotus di Kimi Raikkonen a 1″007.
Sergio Perez dopo 38 minuti ha avuto un problema indraulico ed è tornato in scooter al box. La sua giornata ha potuto registrare solo 11 giri nell’ora e mezza a disposizione per il 15mo posto a 1″913 da Vettel.

NO COMMENTS

Leave a Reply