Barcellona – La Ferrari continua ad esserci per la pole del pomeriggio. Ed a fare ressa nella schiera dei tanti, troppi, pretendenti, arriva anche Felipe Massa. Suo il giro veloce nelle libere 3: 1'21"907. In questa schiera rimane di prepotenza Kimi Raikkonen con la Lotus, secondo ad appena 6 millesimi dal brasiliano.
La mattinata sarebbe stata decisamente interlocutoria dopo i riscontri delle libere 2 se non fossero arrivare le prestazioni di Massa e Raikkonen. Per il brasiliano si tratta della conferma che la Ferrari può puntare alla pole position con entrambi i piloti. Per Iceman della sottolineatura che Lotus può anch'essa puntare in alto non solo per la prestazione super del finlandese ma anche grazie al "recupero" di Romain Grosjean che è riuscito ad avere una Lotus adeguata alle sue ambizioni, dopo le delusione di ieri, ed ha conquistato il quarto posto a 168 millesimi da Massa.
Ovviamente in questo sprint già lanciato verso la pole rimangono autorevolmente le due Red Bull. Mark Webber ha fatto un buon lavoro e spiccato 1'22"044, +143 da Massa, Sebastian Vettel ha tenuto un più basso profilo chiudendo quinto a 328 millesimi. 
Basso profilo che ha tenuto anche Fernando Alonso al quale è bastato fare alcune verifiche finalizzate anche al passo gara soddisfatto alla fine del sesto posto a 353 millesimi dal compagno di squadra.
Ostinate e ben predisposte le due Force India e una delle Toro Rosso continuano a rappresentare motivo di preoccupazione per alcuni top driver. Paul di Resta settimo, Adrian Sutil ottavo e Jean-Eric Vergne decimo hanno "obbligato" Lewis Hamilton e la Mercedes al nono posto, ed hanno sbattuto fuori dalla top ten Nico Rosberg (11mo)con l'altra Mercedes) e le McLaren di Jenson Button (12mo) e Sergio Pérez (14mo).

SHARE
Rino Cortese
Milanese d'adozione, siciliano di nascita, è cresciuto a pane e Formula 1. E non intende smettere. Anche se la F1 cambia in continuazione e non ci saranno più piloti come Senna e Prost.