Montreal – Forse era scritto. Forse no. E' stato scritto oggi pomeriggio e firmato. Sebastian Vettel ha replicato la pole position dell'anno ed ha conquista la terza in stagione, record che condivide con Rosberg. Il crono di 1'25"425 fatto con le gomme intermedie usate ad inizio di Q3 è rimasto imbattutto perché nel frattempo le condizioni della pista sono peggiorate. Tutti gli altri per insidiare il  tre volte campione del mondo avrebbero correre rischi che le peggiorate condizioni del circuito hanno sconsigliato per non pregiudicare la gara. Il tentativo più convinto lo ha fatto Lewus Hamilton che con la sua Mercedes è arrivato a 87 millesimi dalla pole, barriera che non ha potuto superare nel secondo tentativo. Il secondo pilota che ha proposto una sua impensabile candidatura è stato Vatteri Bottas terzo con la sua Williams ma anche terzo a fare 1'25" nella Q1 a 472 millesimi da Vettel. Tutti gli altri a dimostrazione delle peggiorate condizioni della pista sempre più bagnata hanno incassato ritardi pesanti. GHià il compagno di allineamento di Bottas, Nico Rosberg quarto con la sua Mercedes s'è preso più di mezzo secondo di distacco, Mark Webber quinto con l'altra Red Bull a più di 7 decimi e Fernando Alonso con la Ferrari sesto a 1"079. Lo spagnolo parte ancora dalla terza fila.
La pioggia e le condizioni della pista hanno esaltato i figli del dio minore danneggiando i cosidetti top drive. In quarta fila c'è la Toro Rosso di Vergne insieme con la Force India di Sutil, in quinta la Lotus di Raikkonen insieme all'altra Toro Rosso di Ricciardo.
Felipe Massa nel tentativo estremo di recuperare l'ingresso alla Q3 e quindi migliorare la 15ma posizione alla curva 3 ha perso il controllo della Ferrari ed è finito rovinosamente contro le barriere. Partirà dalla 16ma piazzola. Fuori dalla Q1 le due McLaren: Sergio Perez 12mo, Jenson Button 14mo. Non ha superato la Q1 Grosjean classificato 19mo ma di fatto ultimo in griglia dovendo scontare la penalizzazione ricevuta per l'incidente di Monte-Carlo.
RINO CORTESE