GP Gran Bretagna. Surprise! Rosberg

GP Gran Bretagna. Surprise! Rosberg

Silverstone – Come recita lo slogan di mamma Rai? Di tutto di più. E' successo oggi a Silverstone: di tutto di più. Con le Pirelli gomme da… cancellare, Con il cambio della Red Bull di Sebastian Vettel da ringraziare perché ha evitato la m orte prematura del campionato. Con la prontezza di riflessi del muretto Ferrari che in occasione dell'ultima safety car entrata dopo il ritiro di Vettel ha effettuato il cambio gomme di Alonso che ha permesso a Fernando di risalire con una volata emozionante fino al terzo posto. Sul podio con Nico Rosberg vincitore a sorpesa e Mark Webber secondo.
Un Gran Premio pazzesco dall'inizio alla fine. Rosberg e Webber sbagliano la partenza: il tedesco viene infilato da Vettel che si mette sugli scarichi di Hamilton partito dalla pole, l'australiano s'imbrana come lo scemo del villaggio e viene risucchiato fino alla 15ma posizione, Felipe Massa dalla 12ma posizione si muove come un razzo sulla rampa di Cape Kennedy e rimonta fino alla quinta posizione mentre Fernando Alonso rimane nella bagarre.
All'ottavo giro il primo colpo di scena. La gomma posteriore sinistra della Mercedes di Hamilton scoppia. Lewis rientra al box e riprende dall'ultimo posto. Vettel in testa comincia a volare più tranquillo. Due giri dopo stesso incidente alla Ferrari di Felipe Massa: scoppia la posteriore sinistra. E sono due. Al 15mo giro stesso trattamento alla Toro Rosso di Jean-Eric Vergne: gomma posteriore sinistra a brandelli. E sono tre.
Entra la safetyy car che rimane in pista fino al 21 giro. Appena il tempo di ripartire che anche la Sauber di Esteban Gutirrez subisce il trattamento Pirelli: questa volta è l'anteriore sinistra. Sono quattro. Si arriva con vettelk in testa, Risberg secondo e Raikkonen terzo al 42mo giro. Il cambio tradisce il tre volte campione del mondo costretto al ritiro a 10 giri dalla conclusione quando ormai sembra inevitabile la sua quarta vittoria in stagione. La Red Bull si ferma sul rettifilo principale e la chiamata in causa della safety car è inevitabile. Si fermano subito per il cambio gomme la Ferrari di Alonso, le Mercedes di Rosberg ed Hamilton, la Red Bull di Webber. Non si ferma Raikkonen, inspiegabilmente. La safety car rimane in pista fino al 45mo giro. Si riparte per una gara in sette giri. C'è il tempo perché anche la McLaren di Sergio Pérez si ritrovi con la posteriore sinistra in bradelli. Sono cinque! Per oggi basta. Si scatena la bagarre ed i piloti con le gomme fresche cominciano a divorarsi gli sbadati. Il più incazzato è Webber che supera tutti fino ad incollarsi a Rosberg ma non c'è il tempo per arrivare davanti. Raikkonen dal terzo posto viene risucchiato fino al quinto rimontato da Alonso ed Hamilton.
Si ripare il campionato. Vettel rimane a 132 punti, Alonso rimonta a 111, Raikkonen è a 98. Più indietro Hamilton 89, Webber 87, Rosberg 82.

RINO CORTESE

NO COMMENTS

Leave a Reply