Nurburgring – E' l'anno del circuito del Nurburgring. L'anno scorso il Gran Premio di Germania si disputò ad Hockenheim. Si arriva in ordine sparso. La Red Bull scornata per la rottura della trasmissione che cerca la vendetta con Sebastian Vettel. La Ferrari baciata da tanta, troppa, fortuna, che deve capire se i malanni mostrati a Silverstone sono stati eliminati. La Mercedes verso una stabilità di monoposto in grado di lottare per il titolo mondiale. La Lotus per riprendere la strada interrotta dopo il buon inizio di stagione. La Pirelli alla scoperta del mistero delle gomme sbrindellate, in mistero che non garantisce sicurezza alle monoposto. E che scoperta! Gomme scoppiate, le quattro posteriori sinistra e quella anteriore destra, perché i team hanno scambiato il pneumatici, perché li hanno gofiati male, perché hanno usato camber esagerati. Poi anche cordoli aggressivi (rimandiamo i lettori all'articolo dettagliato pubblicato nella rubrica Formula 1).
Un fatto è certo: il campionato è ancora tutto da decidere. Avesse vinto ancora Vettel eravamo quasi alla pietra tombale.
Il Nurburgring è un circuito di media difcoltà per l'impianto frenante delle monoposto caratterizzato da staccate di media difficoltà. L'aspetto più critico relativamente all'impianto frenante è legato al corretto dimensionamento delle prese d'aria che garantiscono la temperatura ottimale di funzionamento per i freni. Per l’impianto frenante la curva 01 risulta essere la più
impegnativa del circuito.
Il week end si svolgerà con questo programma orario: venerdì 5 luglio 10:00-11:30 prove libere 1, 14:00-15:30 libere 2; sabato 6 luglio 11:00-12:00 libere 3,  14:00-15:00 qualifiche; domenica 7 luglio 14:00 Gara.

SHARE
Rino Cortese
Milanese d'adozione, siciliano di nascita, è cresciuto a pane e Formula 1. E non intende smettere. Anche se la F1 cambia in continuazione e non ci saranno più piloti come Senna e Prost.