Spa – Pista ascitta, 33 gradi sull'asfalto. Se qualcuno ha bluffato si vedrà. Oggi pomeriggio la lingua che si parla è quella della Red Bull. Prima con Sebastian Vettel e seconda con Mark Webber nella simulazione qualifica, ancora prima con i due piloti nella simulazione gara con tempo inarrivabili e solo avvicinati da Lotus e meno da Mercedes.
Quindi la griglia provvisoria del venerdì si configura con la prima fila tutta Red Bull. Vettel 1'49"331, Webber 1'49"390, +59 millesimi. Solo loro con 1'49". I due della seconda fila, Romain Grosjean con la Lotus e Felipe Massa con la Ferrari, hanno più di 8 decimi di distacco avendo girato in 1'50". Più di 9 decimi la coppia drella terza fila virtuale composta da Jean-Eric Vergne con la Toro Rosso e Kimi Raikkonen con la Lotus. Più di 1 secondo di distacco la coppia della quarta fila, Fernando Alonso con la Ferrari e Sergio Pérez con la McLaren, e la coppia della quinta, Nico Rosberg con la Mercedes e Paul di Resta con la Force India.
La Red Bull nella circostanza non si è preoccupata di scoprirsi. Ma una riserva di potenziale ce l'hanno di sicuro e la tireranno fuori al momento buono. Chi ha bluffato. La Lotus? La Mercedes? (Hamilton 12mo con 1"420 di distacco). La Ferrari? Tra tanti bluff alla fine le carte buone bisognerà tirarle fuori per evitare che Vettel non ottenga a Spa quel che gli è sfuggito di mano in Ungheria. La quinta vittoria in stagione che metterebbe le ali al suo volo iridato.

SHARE
Rino Cortese
Milanese d'adozione, siciliano di nascita, è cresciuto a pane e Formula 1. E non intende smettere. Anche se la F1 cambia in continuazione e non ci saranno più piloti come Senna e Prost.