Motorland Aragon. Penultimo appuntamento europeo della stagione. Il weekend si apre con la classica conferenza stampa, cui hanno preso parte Marc Marquez, Andrea Dovizioso, Maverick Viñales, Danilo Petrucci e Alex Rins. Insieme a loro Valentino Rossi, dichiarato idoneo a correre dal responsabile medico del circuito. Ad appena 23 giorni dall’infortunio. Presente anche Xavier Simeon, che ha raggiunto l’accordo con Reale Avintia Racing per la prossima stagione.

Marc Marquez: “La battaglia è nel vivo è mancano solo cinque gare alla fine. Ho gli stessi punti di Dovi, Maverick è vicino, poi aggiungiamo che Rossi è tornato e nemmeno Dani è così lontano. Questo è uno dei miei circuiti preferiti, ogni anno mi sono trovato bene e l’obiettivo è cercare di lottare per vittoria. Il tempo probabilmente non sarà dei migliori domani, mentre sabato e domenica dovrebbe andare meglio, ma nel corso dell’ultima gara mi sono sentito bene in una situazione difficile”.

Andrea Dovizioso: “Arrivo qui molto rilassato. L’anno scorso è stato un disastro per una serie di problemi, questo weekend sarà un punto di domanda ma sono convinto che possiamo essere competitivi. I nostro rivali sono tosti, ma noi conosciamo le nostre carte e sappiamo come giocarcele. Questo è un bel circuito, non particolarmente adatto al mio stile di guida ma dobbiamo solo lavorare e capire quanto siamo competitivi. Sono fiducioso e pronto a lottare”.

Maverick Viñales“Siamo tutti vicini, una situazione per noi dovuta anche ai piazzamenti ottenuti. Certo, avremmo potuto accusare un distacco minore in questo momento, ma abbiamo compiuto dei passi avanti a Misano: la moto funziona davvero bene e noi dobbiamo solo lavorare fin da venerdì col pensiero a domenica. L’anno scorso qui siamo andati molto bene e quello di Aragón è un tracciato che si adatta sia alla M1 che al mio stile di guida: possiamo ottenere un buon risultato”.

@motogp.com

Valentino Rossi“Sono contento di essere qui. Dobbiamo capire che feeling ho con la M1, in generale non sento troppo dolore, anzi va meglio ogni giorno. Sarà una gara utile per le prossime, in modo da capire come tornare in forma. Dipende sempre dal tipo di frattura: pensavo di tornare a Motegi ma ho lavorato davvero tanto per migliorare e per me è importante tornare in sella presto e rimanere poco a casa. Non sono qui per il campionato: è aperto certo, ma soprattutto per i primi tre. Io sono qui per vedere come mi sento e per cercare di tornare in forma presto”.

Danilo Petrucci: “È sempre difficile stare davanti, ma non abbiamo niente da perdere visto che non stiamo lottando per il campionato. Il mio obiettivo è chiudere costantemente davanti a Zarco per recuperare il distacco in classifica piloti con team privati. Al momento comunque siamo abbastanza contenti: la moto è ottima su tutte le piste, l’unico problema è riuscire a far durare la gomma posteriore”.

Alex Rins“Si tratta del primo GP di casa con la MotoGP e non vedo l’ora di iniziare. Conosco bene questa pista, ci correvo anche da piccolo e mio nonno non abita molto lontano da qui. A Misano ho ottenuto il miglior piazzamento stagionale e cercherò di ripetermi o di fare ancora meglio. Stiamo realizzando costantemente dei passi avanti, dopo un inizio di stagione condizionato da infortuni sto facendo molta esperienza in sella alla GSX-RR”.

Xavier Simeon“Ringrazio il mio management per l’opportunità: questo è un anno difficile per me in Moto2. Il debutto in MotoGP rappresenta una grande occasione per me e per il Belgio, un Paese in cui non ci sono così tanti talenti: farò di tutto per godermela e per sfruttarla al meglio”.