Valentino Rossi parte per Aragon. Dopo i 30 giri dei giorni scorsi a Misano in sella a una Yamaha R1, il campione di Tavullia ha ricevuto l’ok dei medici e può quindi partire per la Spagna e partecipare al prossimo Gran Premio. Il recupero è andato nel migliore dei modi e a 22 giorni dalla frattura di tibia e perone della gamba destra, Vale si sente pronto a risalire in sella alla sua M1.

La Yamaha ha confermato la riabilitazione in un comunicato, che annuncia la presenza di Rossi in pista, ma per poter vedere davvero Vale al GP di Aragon bisognerà adesso attendere l’ok del responsabile medico della MotoGP, al quale spetta l’ultima parola. Domani Rossi sarà visitato al circuito, speranzoso di ricevere l’idoneità a correre. In ogni caso, è pronto Michael Van der Mark.

Nel frattempo, Valentino non può che essere felice: “Fortunatamente ho fatto una buona prova a Misano: avevo provato anche il giorno prima, ma la pioggia mi aveva fermato dopo qualche giro. Ieri sono riuscito a completare 20 giri e trovare le risposte che cercavo. Alla fine il test è stato positivo e ringrazio il dottor Lucidi e il suo staff che mi hanno aiutato a trovare le soluzioni migliori per sentire il minimo dolore possibile durante la guida”.

“Ovviamente – ha aggiunto Vale alla fine del test ho avuto un po’ di dolore, ma questa mattina sono andato dal dottor Pascarella per un controllo medico e ne è uscito un risultato positivo. Alla fine ho deciso di partire per Aragon e cercherò di guidare la mia M1 nel fine settimana. Se sarò dichiarato idoneo a correre, avrò la vera risposta dopo le Libere 1, perché la guida della M1 rappresenta una sfida maggiore. Ci vediamo ad Aragon”.