Marc Marquez ha vinto il Gran Premio delle Americhe 2018, dominando una gara nella quale ha dimostrato ancora una volta quanto si trovi a suo agio sul circuito texano. Nelle 6 edizioni del gran premio fin qui disputate, è sempre partito dalla pole e ha sempre vinto lui. Oggi non è partito dalla pole per colpa della penalità subìta, ma è saltato nel giro di una tornata dalla quarta casella in griglia al comando della corsa, involandosi in solitaria verso la vittoria a suon di giri veloci per poi arrivare alla bandiera a scacchi battendosi la mano sul petto.

“Per me è stata una questione di strategia: cercare di partire bene e poi spingere – il commento di Marc Marquez a fine gara –. Il posteriore è andato bene. Oggi non avevo la fiducia di battagliare, quindi ho solo cercato di spingere all’inizio e di andare in fuga, di cercare di creare un distacco. Ho fatto una bella gara, 25 punti e al rientro in Spagna saremo contento”.

Alieno Marquez a parte, ottima la gara di Maverick Viñales 2^, apparso in netta ripresa rispetto alle ultime uscite, e ancor più di Andrea Iannone 3^, al primo podio con la Suzuki e in certi momenti della corsa l’indiavolato Iannone dell’era Ducati che tutti ricordano. Valentino Rossi, per un tratto di gara apparso in grado di lottare con i primi, chiude quarto davanti ad Andrea Dovizioso, il quale conferma le difficoltà della Ducati sul tracciato di Austin ma guadagna punti preziosi in chiave mondiale. Sesto Johann Zarco, davanti a uno stoico Dani Pedrosa in pista oggi a dieci giorni dall’operazione per ridurre la micro-frattura al polso destro rimediata in Argentina. Chiudono la top ten Tito Rabat, Jack Miller e Aleix Espargaro, che relegano in 11^ e 12^ posizione Jorge Lorenzo e Danilo Petrucci, le vere note dolenti per Ducati in questo gran premio.

La classifica iridata è ora molto compatta, e vede Andrea Dovizioso al comando con 46 punti, 1 solo punto in più di Marc Marquez. Seguono Viñales (41), Crutchlow e Zarco (38), Iannone (31) e Rossi (29). Viñales commenta così la sua gara: “Mi sono divertito tantissimo, anche se ho sofferto un pochino con la gomma posteriore. Però sono molto contento, sicuramente voglio dedicare questa gara a Nicky (Hayden, ndr), sempre presente in tutti noi”. Molto soddisfatto per il primo risultato positivo con Suzuki, tanto atteso, Andrea Iannone: “Una bella sensazione, sono molto contento per questo podio. Questo è il risultato quando l’uomo non molla, non cede mai. Ci ho sempre creduto, ho sempre lavorato molto forte. Ho sentito tante cose su di me, ma ho reagito e sono tornato. Sono molto contento, alla fine il lavoro viene ricompensato, quindi grazie alla Suzuki, al team e a tutta la gente che mi ha sostenuto in questo periodo. Ora siamo tornati e passo dopo passo credo saremo sempre più vicini a chi sta davanti”.

risultati motogp austin 2018