MotoGP GP Germania. Marquez, marcia trionfale fino alla pole. E domani?

Sempre in testa dalle libere 1 alla pole position col tempo mostruoso di 1'20"336 che ha polverizzato il crono dell'anno scorso. In prima fila anche l'altra Honda di Pedrosa e la Yamaha di Lorenzo. Andrea Iannone, quarto, e Valentino Rossi, sesto, in seconda fila. Domani la gara alle 14:00.

93-marquez__gp_7713_0.big

Dalla prima sessione di prove libere (1’21″766) alla qualifica, passando per le libere 2 (1’21″621), 3 (1’21″083) e 4 (1’21″334). Sempre davanti a dare il tempo. Come un direttore d’orchestra sul podio e bacchetta in mano. Implacabile. Marc Marquez è tornato. Mostruosamente. Come dimostra il tempo pole di 1’20″336 che ha polverizzato, liofilizzato, emulsionato, -6 decimi, il crono fatto l’anno scorso (1’20″937) per partire alla corda.

E’ tornata la Honda Repsol che già ad Assen aveva dato segni di risveglio nel momento in cui il due volte campione del mondo aveva preteso e ottenuto il telaio 2014 che ha trasformato lui e il suo compagno di squadra, Dani Pedrosa, oggi pomeriggio l’unico a tenergli testa fino ad assaporare una effimera leadership trasformatasi in un secondo posto a 292 millesimi.

Il ritorno della Honda Repsol è evidenziato dal distacco inflitto alla Yamaha Movistar di Jorge Lorenzo, coraggioso e irriducibile, terzo e ultimo nel range di 1’20”, nel conquistare la prima fila col terzo tempo ma con più di mezzo secondo di distacco, che sono più di 8 decimi in riferimento al sesto posto, seconda fila, di Valentino Rossi.

Seconda fila che Il Dottore condivide con Andrea Iannone, quarto a 693 millesimi, il quale ha salvato l’onore della Ducati Team mentre l’altro Andrea, il Dovizioso, è stato inviato al domicilio coatto della quarta fila con l’11mo tempo che vale 1″167 di distacco, e con Yonny Hernandez arrivato con la Ducati Pramac dal primo taglio di qualifica (primo in 1’21″333), quinto a 779 millesimi.

Dalla terza fila muoveranno Aleix Espargaro (caduta stamane in curva 1 ad inizio della terza sessione di libere), settimo con la Suzuki Team a 903 millesimi, il fratello Pol, ottavo con la Yamaha Tech 3 a 938 il quale ha preceduto il coequipier Bradley Smith, nono a 993 millesimi.

Con Dovizioso in quarta fila ci sono Cal Crutchlow (anch’egli caduto stamane durante le libere 3 alla curva 3) con la Honda LCR a 1″073 e Maverick Viñales (secondo in Q1) con l’altra Suzuki Team a 1″460. Completano la griglia di partenza gli altri 13 che hanno partecipato alla Q1.

Domani alle 09:40 il warm up e alle 14:00 la gara, nona della stagione.