MotoGP GP Giappone. Lorenzo in pole, Rossi secondo per 81 millesimi, Marquez terzo

La prima fila è servita: due Yamaha Movistar e una Honda Repsol. Minacciose le Ducati di Dovizioso e Iannone, quarto e quinto in seconda fila insieme con la Honda di Dani. Programma ritardato di mezzora per un drammatico incidente ad Alex De Angelis finito in ospedale.

jorge lorenzo pole gp giappone 2015

Il drammatico incidente occorso ad Alex De Angelis alla curva 9 durante le libere 4 ha comportato un ritardo di circa mezzora sul programma del pomeriggio. Il pilota di San Marino ha perso il controllo della Art ed è finito pesantemente contro le barriere. E’ rimasto privo di conoscenza ma al Centro medico è arrivato in sensi. I sanitari però lo hanno immediatamente fatto trasportare al Dokkyo Hospital di Mibu per più approfonditi accertamenti strumentali. Una Tac spinale ha evidenziato la frattura di diverse costole e del corpo vertebrale. Fortunatamente il midollo osseo non avrebbe riportato traumi.

L’accaparratore del Twing Ring Jorge Lorenzo (dopo libere 1 e 2 sue anche 3 e 4) ha conquistato la pole position (quarta in stagione) con il tempo di 1’43″790. Come lui, seppure con +81 millesimi, solo Valentino Rossi. Il terzo in prima fila, Marc Marquez, a 426 millesimi. Due Yamaha Movistar e una Honda Repsol. I duellanti e l’arbitro uscito di scena dalla corsa al titolo dopo l’ennesima caduta. Se non cadrà anche in questa occasione.

Ma di arbitri nella gara di domani potrebbero essercene più di uno. Almeno altri due. Se le Ducati di Andrea Dovizioso, quarto a 532 millesimi, e Andrea Iannone, quinto a 646, riusciranno a fare quanto dimostrato fino ad oggi pomeriggio la bagarre davanti potrebbe avere molto più protagonisti del previsti e la prevista fuga verso la vittoria di Jorge Lorenzo, che cercherà di impostare la gara alla sua maniera, potrebbe trovare ostacoli. Non ultima la possibilità della pioggia.

Con le due Ducati in seconda fila parte anche la Honda Repsol di Dani Pedrosa, sesto a 792 millesimi. Nel terzo allineamento si sono sistemati Aleix Espargaro, settimo con la Suzuki a 1″019, Cal Crutchlow, ottavo con la Honda LCR a 1″142, e Bradley Smith (caduto poi alla curva 12 senza conseguenze), nono con la Yamaha Tech 3 a 1″277.

Quarta fila con Maverick Viñales (primo in Q1), decimo con la Suzuki a 1″291, Pol Espargaro, 11mo con la Yamaha Tech 3 a 1″429 e Scott Redding, 12mo con la Honda Estrella Galicia a 1″543.  Completano la griglia i 14 piloti che hanno partecipato alla Q1. Purtroppo non sarà in gara De Angelis.