La Ducati aveva iniziato la giornata nel migliore dei modi, con il giro veloce di Dovizioso nelle libere 3, e chiude in maniera fantastica. Sempre con il Dovi, che riporta la Rossa di Borgo Panigale in pole dopo più di anno. L’ultima risale al 2015, al Mugello, con Iannone, che in qualifica oggi si è piazzato nono a più di due secondi di distacco dal compagno e domani partirà ultimo in griglia per la penalità dovuta al contatto con Lorenzo nel precedente gran premio.

La pole di Andrea Dovizioso arriva nonostante una fastidiosa pioggia già presente durante le libere 4 che rimescola le carte in tavola. Infatti, se nelle libere 3 i primi quattro piloti (Dovi, Marquez, Vinales e Rossi) erano tutti molto vicini, con le qualifiche i valori in campo cambiano radicalmente.

All’ottimo tempo del ducatista di 1’45”246 risponde solo Valentino Rossi. Per modo di dire. Il 9 volte campione del mondo è sì secondo, ma a più di 7 decimi di distacco dal Dovi.

La sorpresa della prima fila si chiama Scott Redding, terzo con la Ducati Pramac a più di un secondo dal miglior tempo da Dovizioso. Non riesce ad andare oltre la quarta casella in griglia Marc Marquez, ma per lui è quasi una pole. Dopo una banale caduta torna di volata ai box “rubando” lo scooter di un fotografo e nell’unico giro utile a sua disposizione con la seconda moto modificata ancor più di volata fa quel che può.

Di sicuro, fa meglio del compagno Dani Pedrosa, il quale costretto a correre la Q1 dimostra la totale assenza di feeling qui ad Assen con la sua Honda non riuscendo a passare in Q2 e registrando il 16esimo tempo.

In difficoltà come Pedrosa l’altra Yamaha, quella di Jorge Lorenzo. Protagonista di una brutta caduta su una curva veloce durante le libere 3, il maiorchino si è mostrato dolorante, riuscendo a qualificarsi direttamente in Q2 per pochi millesimi.

Le difficoltà palesate già ieri nelle prime libere si sono replicate anche durante le qualifiche. Quanto in tutto ciò abbia pesato anche la caduta non si può sapere. Sta di fatto che il campione del mondo in carica ha accusato un ritardo di oltre 2 secondi e domani partirà al via 11esimo.

I TEMPI DELLE QUALIFICHE.