Al primo assalto il crono insuperabile. Marc Marquez c'è andato vicino: solo 91 millesimi in più per la sua Honda Repsol. La Suzuki di Maverick Viñales ha tirato fuori dal cilindro il terzo tempo della serata.

JORGE LORENZO

Morbida, morbida. E al primo assalto il crono insuperabile. La prima pole position della stagione è della Yamaha Movistar. E’ di Jorge Lorenzo. Marc Marquez, sempre al primo assalto, c’è andato vicino. Solo 91 millesimi in più per la sua Honda Repsol. Nelle magie finali dal cilindro della Suzuki Maverick Viñales ha tirato fuori il terzo tempo della serata, 4 millesimi in più di Marquez, e la conquista della prima fila. Che parla solo spagnolo.

L’ultimo assalto alla prima fila non è riuscito né ad Andrea Iannone né a Valentino Rossi. Il pilota della Ducati Team ha sommato 150 millesimi di distacco e il nove volte campione del mondo 272, rispettivamente quarto e quinto per condividere la seconda fila insieme con l’altro ducatista Andrea Dovizioso, sesto a 420 millesimi.

In terza fila Dani Pedrosa, Hector Barbera e Pol Espargaro. Il pilota della Honda Repsol n. 26 ha ottenuto il settimo posto a 535 millesimi, il connazionale della Ducati Avintia l’ottavo a 622, e l’altro spagnolo della Yamaha Tech 3 il nono a 759.

Completano lo schieramento dei 12 che si sono dati battaglia in Q2 Cal Crutchlow, decimo con la Honda LCR a 809 millesimi, e Bradley Smith 11mo con la Yamaha Tech 3, entrambi arrivati dalla Q1 (rispettivamente primo e secondo), e Scott Redding, 12mo con la Ducati Pramac a 965 millesimi.

Dalle qualifiche al mercato piloti. E’ arrivato l’annuncio ufficiale: Valentino Rossi correrà con la Yamaha fino al 2018 compreso. L’accordo è stato confermato con un comunicato diramato alla vigilia delle qualifiche.

“Sono molto soddisfatto di questa decisione, perché è sempre stato nei miei piani di correre finché sono competitivo e mi diverto allo stesso tempo. Da quando sono tornato in Yamaha nel 2013 mi sono sentito come se fossi a casa e questo è dimostrato dai risultati. Mi sento molto motivato nel restare in sella alla mia YZR-M1 per i migliori risultati possibili, quest’anno e nelle seguenti due stagioni”, Valentino Rossi.

La notizia dell’estensione del contratto con Valentino è musica per i tifosi di Yamaha e della MotoGP in tutto il mondo.

“Non posso pensare a un modo migliore per iniziare una nuova stagione per entrambe le parti. Questo nuovo accordo dimostra che Valentino vuole finire la sua carriera con Yamaha. Prima di ciò, i tifosi potranno godersi tre stagioni entusiasmanti grazie al Dottore che cercherà di vincere il suo 10mo titolo mondiale con noi”, Lin Jarvis, direttore del team Yamaha Movistar.

A questo punto alla Yamaha si aspetta la decisione di Jorge Lorenzo. Voci nel paddock del Qatar dicono che il maiorchino abbia già trovato l’intesa con la Ducati, anche se mancherebbe ancora la firma. Di sicuro l’offerta di Borgo Panigale, c’è ed è molto allettante. Ora bisogna capire se Lorenzo proverà a giocare al rialzo forte di questa situazione, oppure se preferirà tentare una nuova avventura, chiudendo così il suo rapporto di amore e odio con il team di Iwata.

NO COMMENTS

Leave a Reply