MotoGP GP Usa. Marquez al rodeo di Austin doma 2 purosangue italiani

Il due volte campione del mondo doma in quattro giri Andrea Dovizioso e Valentino Rossi e vola verso il primo successo stagionale sul circuito dove ha sempre trionfato. Il Dovi e Il Dottore secondo e terzo sul podio. Lorenzo quarto e Iannone quinto.

Marc-Marquez-Moto-GP-americhe

Marc Marquez dopo il digiuno in Qatar ha cominciato a mangiare vittorie. Questa in Texas, dove ha sempre vinto, praticamente inevitabile. Andrea Dovizioso, Valentino Rossi, secondo e terzo al traguardo, e fino al 18mo giro anche Andrea Iannone, quinto, hanno tentato di metterlo sotto ma al rodeo di Austin il cowboy spagnolo ha domato tutti. Con una facilità imbarazzante quando al quarto giro ha deciso di prendere la testa della corsa ed a volare verso il primo successo stagionale. L’esiguo distacco finale su Dovizioso è dovuto al fatto che negli ultimi giri il due volte campione del mondo ha smesso di spingere la sua Honda Repsol ed è arrivato al traguardo rilassato.

Anche in Texas, comunque, la Ducati Team e la Yamaha Movistar almeno con Valentino Rossi hanno dimostrato di potere condurre un campionato da grandi protagonisti per rendere a Marquez la corsa verso il programmato terzo titolo iridato consecutivo meno agevole di quanto non sia accaduto nelle due stagioni precedenti.

Al via Andrea Dovizioso mette subito la sua Ducati davanti a tutti. Lo seguono Marquez, Rossi, Smith e Lorenzo, più indietro Iannone. Dovizioso resiste in testa per tre giri, al quarto Marquez mette la freccia e passa. Al sesto giro il rimontante Iannone supera Lorenzo ed occupa la quinta posizione, il giro dopo Il Dottore supera il Dovi e un giro dopo ancora Iannone lascia secco Smith ed è quarto. L’interesse è solo dietro perché Marquez aumenta il distacco giro  dopo giro.

Anche Lorenzo passa Smith al decimo giro. Al 12mo giro Dovizioso si riprende il secondo posto che non mollerà più mentre dietro Lorenzo riesce a superare Iannone. L’ordine d’arrivo è fatto definitivamente. Ha vinto la Honda Repsol con Marc Marquez, la Ducati Team seconda con Andrea Dovizioso a 2″354, la Yamaha Movistar terza con Valentino Rossi a 3″120 e quarta con Jorge Lorenzo a 6″682. La Ducati Team di Andrea Iannone quinta a 7″584.

La seconda parte della top ten è composta da Bradley Smith, sesto con la Yamaha Tech3 a 10″557, Cal Crutchlo2, settimo con la Honda LCR Open, Aleix Espargaro, ottavo con la Suzuki a 19″025, Maverick Vinales, nono con l’altra Suzuki a 38″570, Danilo Petrucci, decimo con la Ducati Pramac a 41″796.

La classifica mondiale è guidata da Rossi con 41 punti, secondo Dovizioso 40, terzo Marquez 36, quarto Iannone 27, quinto  Lorenzo 26.