È iniziata la caccia Ducati al titolo MotoGP 2018. Con la presentazioni di ieri, la Casa di Borgo Panigale è stato il primo team a svelare la nuova moto, la Desmosedici GP18, con cui Andrea Dovizioso e Jorge Lorenzo daranno battaglia a Honda e Yamaha a iniziare dalla prima delle 19 gare in calendario, in programma in Qatar il prossimo 18 marzo.

La grande novità della Desmosedici GP18 è il colore grigio sulla livrea, insieme al rosso e al bianco, segno forse di una nuova partnership importante dopo l’addio di Tim. Dovi e Lorenzo saliranno in sella alla moto in versione 2018 già a fine mese, pronti a suonare la carica. Anzi, per quello c’è l’a.d. Claudio Domenicali: Siamo pronti per il 2018 e siamo particolarmente fiduciosi che sarà un altro anno positivo”.

Fiduciosi sì, ma con i piedi per terra. “Quando si arriva a lottare per vincere il titolo – ha detto alla presentazione della nuova moto Luigi Dall’Igna, direttore generale di Ducati Corse – può essere facile perdere la giusta strada nello sviluppo della moto, per cui tutte le novità che introdurremo sulla nuova Desmosedici GP saranno nel segno dell’evoluzione e non della rivoluzione. Ritengo che Andrea e Jorge siano un vero valore aggiunto per noi, e che entrambi possano puntare a lottare per il mondiale nel 2018. Dobbiamo solo fare l’ultimo passo, e sappiamo che non sarà facile perché ci stiamo confrontando con avversari molto agguerriti e con aziende più grandi di noi”.

Punterà certamente al titolo Andrea Dovizioso, reduce dalla sua migliore annata. “Per il 2018 dobbiamo sempre essere in grado di lottare per il podio, su tutti i circuiti – ha detto Dovi in conferenza –. Dopo essere arrivati secondi con sei vittorie nel 2017, naturalmente il nostro obiettivo non può che essere quello di lottare per vincere il campionato, ma dobbiamo restare con i piedi per terra perché sappiamo che ogni anno è una storia a sé. Partiamo comunque dalla buona competitività dello scorso campionato e dobbiamo solo rimanere focalizzati al 100% come l’anno scorso, quando abbiamo lavorato davvero molto bene”.

Dall’Igna sostiene che anche Lorenzo lotterà per il titolo. E così dovrà essere. Dopo un 2017 a prendere confidenza con la Ducati, lo spagnolo non può certo permettersi un’altra stagione lacunosa. “Il 2017 è stato un anno piuttosto difficile per me – ha detto Jorge – perché non ho vinto neanche una gara e all’inizio del campionato non sono riuscito a lottare per il podio. Però ho avuto pazienza e non ho mai mollato, e nelle ultime gare abbiamo finalmente ottenuto dei risultati abbastanza buoni”.

“Il lavoro di squadra è stato molto importante – ha aggiunto Lorenzo e Ducati mi ha aiutato molto per adattare la moto al mio stile di guida, per cui penso che nel 2018 partiremo con una base molto più competitiva. Andrea e la Desmosedici GP hanno dimostrato che abbiamo tutte le carte in regola per provare a vincere il campionato, e io credo di avere la forza e l’esperienza per lottare insieme a lui”.