Il pilota Ducati pensa alla terza vittoria di fila ma sa bene che Yamaha e Honda possono andare forte ad Assen. Rientra dall’infortunio Alex Rins.

Si è da poco conclusa la conferenza stampa che ha aperto ufficialmente il GP d’Olanda 2017. Maverick Viñales con l’ultima tappa catalana ha visto perdere il suo vantaggio in classifica, ridotto ora a soli 7 punti da Dovizioso: “Quella di Barcellona è una gara da dimenticare. In ogni caso è stata una fortuna avere subito una giornata di test conclusi positivamente: ho provato anche un nuovo telaio con cui mi sono trovato molto bene e con cui scenderò in pista. Assen penso sia un tracciato che si può adattare al mio stile di guida, ma speriamo anche nel bel tempo”.

Dal canto suo Andrea Dovizioso dopo la seconda vittoria di fila pensa alla tripletta: “L’ultima vittoria è la più inaspettata. Siamo stati veloci fin da subito ma anche intelligenti nel capire dove lavorare per la gara, viste le alte temperature. Sono passati tanti anni da quando abbiamo ottenuto questi risultati, ma questo è un campionato particolare e ogni gara è una storia a sé”.

Pronto a dare battaglia anche Marc Marquez: “Assen mi piace molto; in passato abbiamo sofferto con Honda, ma penso che quest’anno con questo motore possa andare meglio, anche se sappiamo che Yamaha e Ducati sono molto veloci su questa pista. Il tempo sarà un’incognita, visto che qui è assolutamente imprevedibile, ma dobbiamo essere in grado di adattarci a tutto”.

Contento dei risultati ottenuti dal compagno di squadra, Jorge Lorenzo è soddisfatto dei progressi finora fatti: “Abbiamo chiuso la tappa a Barcellona con un bel risultato. A metà gara ero preoccupato, ma alla fine la mia intuizione per quanto riguardava le gomme era giusta e sono riuscito a chiudere in quarta posizione, riducendo anche il ritardo dal primo. È stato bello partire per la prima volta dalla prima fila con Ducati, la cosa importante è che stiamo facendo continuamente progressi. Per quanto riguarda Assen, ho parlato con la squadra e sembra che su questa pista la moto vada molto bene”.

Finalmente dichiarato idoneo, è pronto a tornare in sella alla sua Suzuki GSX-RR Alex Rins: “L’attesa è stata lunga e difficile, ma la frattura ci ha messo molto a guarire. I test a Barcellona sono stati davvero positivi, soprattutto perché non ho avvertito alcun dolore al braccio. L’obiettivo in questa gara è solo quello di rimanere concentrato, di riprendere confidenza con la moto e di divertirmi. Al momento posso dire che ho concluso solo una gara quest’anno, visto che in Argentina sono caduto, quindi devo rimanere calmo e trovare nuovamente la fiducia”.