Jerez – Non si è fatto ancora sul serio, ma i protagonisti della Moto G.P. nella seconda sessione di libere svoltesi nel pomeriggio odierno hanno iniziato a “mostrare i bicipiti”. Ad aprire le ostilità a suon di sorpassi, sono stati Casey Stoner e Jorge Lorenzo, ma dal momento che “Fra i due litiganti il terzo gode…” ci si è messo di mezzo Nicky Hayden a riportare l’ordine in “classe”.
Questo fintantoché Valentino Rossi (ad un quarto d’ora dal termine) non si è sentito il sale sulla coda ed ha iniziato a spingere stabilendo il nuovo record della pista 1’40”364. Meglio di lui è riuscito a fare (tu quoque Bruto…) il compagno di squadra  Jorge Lorenzo che è andato oltre abbassando il riscontro cronometrico a 1’40”321.
Nessuno è riuscito a battere Lorenzo che ha di conseguenza concluso al vertice con cinque millesimi di vantaggio su Rossi, dietro il duo Yamaha, un’altra Yamaha, ma meno blasonata seppure in formissima,la Yamaha Tech 3 di Colin Edwards.
A seguire un altro duo, quello della Repsol formato da Nicky Hayden e Dani Pedrosa. A proposito di Hayden, l’americano in questo weekend dispone di una RC212V identica a quella dei test ufficiali IRTA ed un’altra equipaggiata col telaio provato da Pedrosa nel Qatar
Caduta per Casey Stoner, che rimedia solo il settimo tempo a cinque decimi da Lorenzo, e per James Toseland, che ha ottenuto l’ottavo posto davanti a Loris Capirossi e Alex de Angelis. (ore 15:30)