Losail – Ora tutti sanno che fa sul serio. Aleix  Espargaro è diventato il pilota da battere. Per tre libere di fila imbattibile con la Yamahar Forward. Ed anche nella terza sessione col giro migliore in 1'54"773. Tanto per essere chiari. Poteva farne a meno con 1'54"989 della seconda sessione che solo lui ha superato.
E non chiamateli più peones. Né Aliex né gli altri che continuano a mettere sotto scacco i cosiddetti big che nei dieci minuiti finali hanno dovuto forzare al limite attuale delle loro possibilità per evitare l'onta della Q1.
Al secondo posto Andrea Iannone con la Ducati Pramac a 413 millesimi dal Signore della notte del Qatar, al terzo Alvaro Bautista con la Honda Gresini a 467. Se tanto mi dà tanto rivederli in prima fila domani sera non è utopia. Quarto Andrea Iannone con la Ducati Team a 477 millesimi.
Il primo dei cosiddetti big è il campione del mondo in carica Marc Marquez il quale con la Honda Repsol  ha tenuto il quinto posto a 673 millesimi dall'esplosivo connazionale. Bradley Smith (uno dei tre caduti della sessione, lui alla curva 5, Di Meglio alla 15 e Crutchlow alla 10) con la Yamaha Tech3 ha preso il sesto posto (+701 millesimi) precedendo Jorge Lorenzo che solo per il rotto della cuffia è riuscito ad inserirsi tra i primi dieci, settimo con la Yamaha Factory (+722 millesimi). Ottavo Stefan Bradl con la Honda LCR (+903 millesimi). Lotta contro il cronometro e all'ultimometro per guadagnare la Q2 per Valentino Rossi che insieme a mDani Pedrosa è saltato sull'ultimo tram rispettivamente nono con la Yamaha Factory (+920 millesimi) e decimo con la Honda Repsol (+981). E' finito fuori dalla top ten Pol Espargaro con la Yamaha Tech3. La sua esclusione possiamo considerarla una sorpresa. Come una sorpresa è il 12mo posto di Cal Crutchlow con l'altra Ducati Team.

SHARE
Girolamo Cimarosti
Eoliano di Lipari, appassionato di motori e particolarmente innamorato delle due ruote. L’altra sua passione è la musica classica. Verdi, Puccini, Bellini e Rossini sono i suoi preferiti. Suona discretamente il pianoforte. Il richiamo della MotoGP per lui è irresistibile.