Assen – Su una pista tornata normale, ma le bizzarie del tempo non lasciano tranquilli, quando tutti si aspettavano un assalto al potere, che c'è stato, il potere ha imposto la sua legge. Dura lex, sed lex. Marc Marquez ha spinto la sua Honda Repsol ad un tempo da qualifica, 1'33"462. Crono che ha neutralizzato l'assalto di quattro Yamaha. Le due Factory, seconda con Valentino Rossi (+398 millesimi) e terza con Jorge Lorenzo (+400), la Tech3 di Pol Espargaro quarto (+479), la Forward di Aleix Espargaro, quinto (+696).
In questa bagarre da qualifica ha avuto la peggio Dani Pedrosa, sesto con la sua Honda Repsol a 891 millesimi dal compagno di squadra. A completare la top ten Andrea Dovizioso, settimo con la Ducati Team (+1"195), Andrea Iannone, ottavo con la Ducati Pramac (+1"208), Stefan Bradl nono con la Honda LCR (+1"228) e Alvaro Bautista con la Honda Gresini, decimo (+1"421).

SHARE
Girolamo Cimarosti
Eoliano di Lipari, appassionato di motori e particolarmente innamorato delle due ruote. L’altra sua passione è la musica classica. Verdi, Puccini, Bellini e Rossini sono i suoi preferiti. Suona discretamente il pianoforte. Il richiamo della MotoGP per lui è irresistibile.